testata

I quattro forum aperti dal Tavolo civico

Il "Tavolo civico per migliorare lo Stato" è stato invitato dal segretario generale della Presidenza del consiglio, Mauro Bonaretti, per un confronto su alcuni temi cari alle organizzazioni che si riconoscono nell'azione di rappresentanza di interessi civici svolta dal Tavolo civico.

 

In particolare quattro sono i progetti di rappresentanza degli interessi civici portati dal Tavolo civico all'attenzione del Segretario generale della Presidenza del consiglio:

  1. Accesso alle informazioni della pubblica amministrazione
  2. Tracciabilità dei processi di attuazione delle nuove leggi
  3. Dirigenza trasparente, efficiente ed efficace
  4. Whistleblowing

Rileggiamo questi progetti con le parole di chi segue i grupopi di lavoro costituiti ad hoc.

 

Accesso alle informazioni della pubblica amministrazione

«É necessario migliorare l'accessibilità e l'indicizzazione delle informazioni pubblicate sul web, sostengono Andrea Fama (Foia) e Isabella Mori (Cittadinanzattiva) referenti della proposta, per rendere piú facilmente reperibili le informazioni ai cittadini interessati. É opportuno poi stabilire l'obbligo di comunicazione concernente i titolari di incarichi di consulenza e dirigenziali. Anche l'ordine del giorno del Consiglio dei ministri andrebbe pubblicato online prima delle riunioni. Andrebbe creato on line un quadro sintetico del patrimonio archivistico conservato dalla Presidenza del consiglio. Andrebbero poi attivati dei quadri di "intelligence" amministrativa con altre istituzioni pubbliche ( Inps, Inail, agenzie, tribunali, …)».

 

Tracciabilità dei processi di attuazione delle nuove leggi

«Il principio della responsabilità è al centro di questa linea di proposte, spiega Vittorio Alvino (Openpolis), che parte non dalle norme ma dai dati.

Primo obiettivo: monitoraggio dell'attuazione dei programmi e dei provvedimenti con il tracciamento dell'iter di ciascun provvedimento amministrativo. Per ogni fase andrebbe registrato l'ufficio competente, il dirigente responsabile, la data di inizio e fine. Si potrebbe realizzare il tutto in dodici mesi.

Secondo obiettivo: monitoraggio delle delibere del Cipe. Oltre al tracciamento dell'iter autorizzativo andrebbero seguiti: il processo di attuazione della delibera, del finanziamento, della realizzazione del singolo intervento».

 

Dirigenza pubblica trasparente, efficiente ed efficace

«Il tema della trasparenza deve essere inteso non solo come forma di doveroso controllo sulla public amministrazione, ma anche come forma di valorizzazione del ruolo della dirigenza pubblica, illustrano Carmelo Marazia (Aidp funzione pubblica) e Augusto Zucaro (Allievi Sna). Maggiore trasparenza, maggiore chiarezza sugli obiettivi e risultati attesi, si coniugano con maggiore autonomia e maggiore responsabilità.» 

A questa squadra partecipa anche OfficineEinstein con il caporedattore della sezione "Comportamenti organizzativi“, Paolo Petrucciani.

 

Whistleblowing

La "vedetta civica" è stata propugnata da Transparency Italia, ovvero l'applicazione, anche in Italia, del whistleblowing, la pratica accettata in tanti Paesi al mondo, tra cui 26 dei 28 dell'Unione europea, per la promozione e tutela delle segnalazioni da parte di cittadini (anche non dipendenti) di rischi ed irregolarità nella pubblica amministrazione nell’interesse pubblico dell’Italia. 

Il whistleblowing (letteralmente; fischiare l’allerta) è già previsto dell’articolo 51 della legge 190/2012 che impone dettagliatamente la ”tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti” 

sulle situazioni di rischi, irregolarità, sprechi ed eventualmente reati.

Michele Vitali, membro dell’Advisory board di Transparency international Italia (la più grande organizzanzione al mondo per la lotta contro la corruzione, appoggiata tra l’altro nei suoi progetti dall'Unione europea e le Nazioni Unite ), ha sottolineato come la pratica della "vedetta civica" è meritoria della massima considerazione perché consente di prevenire ex-ante, invece che sanzionare ex post, ed ha quindi valenza immediatamente positiva sui conti statali e sul fabbisogno finanziario, consentendo di intervenire prontamente e rettificare situazioni non ottimali.


Il whistleblowing libera contributi democratici dalla base di ogni organizzazione o ente, da parte di persone spesso escluse dai processi decisionali, e perciò desiderose di mostrare una “best practice” che per motivi differenti non viene applicata, motivi che vanno:

  • dalla mancanza di addestramento e formazione,
  • alla reale involuzione delle organizzazioni subissate dal carico di lavoro giornaliero
  • fino al vero atto doloso o colposo che approfitta delle debolezze delle strutture per operare in maniera criminale con pratiche di corruzione

 

Il progetto di implementazione del whistleblowing all'interno della pubblica amministrazione statale segue la progressiva implementazione da parte di alcuni Comuni tra i più avanzati.

 

Quattro progetti di rappresentanza di interessi civici, quindi, che colpiscono nel cuore le attenzioni e le sensibilità delle organizzazioni che si riconoscono nell'agire del tavolo civico.

 

Leggi anche

Luca Massacesi 2013, Nasce il Tavolo civico per migliorare lo Stato, OfficineEinstein, 8 ottobre 2013.

Luca Massacesi 2014, I quattro forum aperti dal Tavolo civico, OfficineEinstein, 5 maggio 2014.

Luca Massacesi 2014, Il Tavolo civico da BonarettiOfficineEinstein, 8 maggio 2014.

 

Share

Banner cittadini attivi

Banner io partecipo

Amministrazione condivisa

Funziona la nostra pubblica amministrazione? Le scelte importanti sono in mano ai cittadini? Opera in piena trasparenza? E' al servizio di chi la paga? Rende la vita delle persone a cui è al servizio più semplice? Possiamo farne a meno?

Sei domande, sei "no".

Amministrazione pubblica, un gigante del quale una società moderna sembra non poter fare a meno; ma che dovrebbe superare l'attuale stadio di declinazione pseudo democratica dell'amministrazione "reale", nel senso del re, evolvendo verso un'amministrazione "condivisa" cioè vissuta insieme a chi, oggi, la paga e la finanzia.

Guardare oltre

 

Su questi temi noi di OfficineEinstein siamo interessati perché il nostro fine è cercare di guardare oltre! Perché siamo convinti che non può esistere una società moderna, semplice, che permetta di vivere sereni senza un'amministrazione efficiente ed efficace. Tanta la strada da compiere.