testata

97 mosse per uccidere un sistema economico

Sono quasi un centinaio, per la precisione 97, le principali attività di controllo che gravano sulle piccole imprese italiane. L’Ufficio studi della Cgia di Mestre le ha elencate. Una a una, suddividendo il quadro legislativo generale in quattro grandi settori.



Ambiente e scurezza nei luoghi di lavoro
Quest’area è interessata da cinquanta possibili controlli che possono essere effettuati da undici enti e istituti diversi.



Amministrativo
Questo settore registra sei controlli che sono ad appannaggio di tre enti e istituti diversi.


 

Contrattualistica
Nell’area lavoro il numero dei controlli si ferma a diciotto, mentre gli enti e istituti interessati sono quattro.



Fisco
In questo ambito il numero dei controlli è pari a ventitre e sono sette gli enti e istituti coinvolti.

 

«Con una legislazione spesso caotica e in molte circostanze addirittura indecifrabile, dichiara il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi, per molte aziende, soprattutto quelle di piccola dimensione, è difficile essere sempre a norma. Ricordo che il 95 per cento delle imprese italiane ha meno di dieci addetti e non dispone, a differenza delle medie e grandi aziende, di nessuna struttura tecnica e amministrativa in grado di affrontare professionalmente queste problematiche. Detto ciò, non è nostra intenzione accusare nessuno, tanto meno gli enti di controllo che, spesso, sono anch’essi vittime di questa situazione. Troppe direttive, troppe leggi, troppi regolamenti creano solo confusione, mettendo in seria difficoltà non solo chi è obbligato ad applicare la legge, ma anche chi è deputato a farla rispettare».


Il tema della burocrazia, fa notare la Cgia, è uno dei principali ostacoli che mina la crescita del nostro Paese.

 

«I tempi e i costi della burocrazia, conclude Bortolussi, sono diventati una patologia endemica che ci caratterizza negativamente. Non è un caso che molti investitori stranieri non vengano qui da noi proprio per la farraginosità del nostro sistema burocratico. Incomunicabilità, mancanza di trasparenza, incertezza dei tempi ed adempimenti onerosi hanno generato un velo di sfiducia tra imprese private e pubblica amministrazione che non sarà facile eliminare».

 

Insomma, per crescere e creare nuovi posti di lavoro le imprese necessitano di servizi pubblici efficienti e di una legislazione chiara e facilmente applicabile.
In questi ultimi anni, invece, il costo della burocrazia sul nostro sistema produttivo ha superato i trenta miliardi di euro all’anno.
Questa situazione ha costretto moltissime aziende a trascurare il proprio business per occupare gran parte del tempo alla compilazione di certificati e scartoffie varie: un’anomalia che deve essere assolutamente rimossa.

 

Fonti

La lista dei controlli burocratici sulle imprese italiane

Burocrazia: sulle imprese gravano 97 controlli

Share

Banner cittadini attivi

Banner io partecipo

Amministrazione condivisa

Funziona la nostra pubblica amministrazione? Le scelte importanti sono in mano ai cittadini? Opera in piena trasparenza? E' al servizio di chi la paga? Rende la vita delle persone a cui è al servizio più semplice? Possiamo farne a meno?

Sei domande, sei "no".

Amministrazione pubblica, un gigante del quale una società moderna sembra non poter fare a meno; ma che dovrebbe superare l'attuale stadio di declinazione pseudo democratica dell'amministrazione "reale", nel senso del re, evolvendo verso un'amministrazione "condivisa" cioè vissuta insieme a chi, oggi, la paga e la finanzia.

Guardare oltre

 

Su questi temi noi di OfficineEinstein siamo interessati perché il nostro fine è cercare di guardare oltre! Perché siamo convinti che non può esistere una società moderna, semplice, che permetta di vivere sereni senza un'amministrazione efficiente ed efficace. Tanta la strada da compiere.