testata

Ops... dov'è il Comune?

Iniziamo con una buona notizia: sono partiti a Roma i primi due taxi completamente elettrici d’Italia. Sono due vetture di un modello che già viene utilizzato come taxi a New York, Londra, Amsterdam, Città del Messico, San Paolo e Zurigo: il Nissan Leaf.
A Roma circoleranno con la cooperativa 3570. Per ora una goccia nel mare dei quasi 8mila tassisti romani.
E' il primo risultato del progetto «Via col verde», promosso da Nissan Italia e dall’Unione radiotaxi d’Italia (Uri), che punta ad ampliare la flotta elettrica romana nei prossimi mesi e a raggiungere anche Milano e Firenze.

Le due auto sono state concesse in comodato d’uso gratuito per un anno a due tassisti, selezionati in base della loro residenza. Al termine dei 12 mesi, i due tassisti potranno restituire le auto a Nissan oppure rilevarle.
140928-Leaf-taxi-elettrici-Roma-630x328
Il servizio di taxi a Roma diventa così un poco più ecologico.

Secondo i promotori, e il buon senso, una diffusione più capillare di taxi elettrici a Roma potrebbe migliorare la qualità della vita dei cittadini e garantire un maggiore risparmio ai tassisti romani che percorrono in tutto oltre 500 mila chilometri al giorno per le strade della capitale.

 

Orgoglio in casa Nissan per questo lancio di un interessante progetto commerciale, perché ormai dovrebbe essere chiaro a tutti che la green economy è una reale leva economica per il futuro.

«Siamo stati tra i primi a lanciare la mobilità elettrica con la Leaf. Ora cerchiamo di trovare collaborazioni con aziende pubbliche e private interessate a portare ovunque la mobilità a emissioni zero»

spiega Bruni Mattucci, amministratore delegato di Nissan Italia.

 

Passiamo alla brutta notizia

Vediamo ora come lo Stato e le sue articolazioni locali aiutano la trasformazione della flotta dei taxi in una flotta verde che inquini di meno, con i relativi vantaggi in termine di qualità del'aria e della vita e di salute; e di riduzione del deficit della bilancia dei pagamenti del Paese, con il conseguente vantaggio economico, perché l'energia elettrica, val la pena ricordarlo per quanto ovvio sia, si può produrre con il sole, che a Roma di certo non manca.

 

La rete per la ricarica elettrica dei veicoli esistente in città è del tutto inadeguata. In attesa che il Comune di Roma conceda 15 colonnine per la ricarica dedicate ai taxi il progetto «Via col verde» ha incluso anche un impianto di ricarica sistemato al parcheggio dell’aeroporto di Fiumicino.
Ci sarà inoltre un’unità di ricarica mobile da 100 Kw realizzata da Fcs Mobility, ovvero un van Nissan NV400 in grado di raggiungere i taxi in caso di bisogno. E' equipaggiato con pannelli solari e capace di ricaricare rapidamente la batteria delle due auto, circa dal 30 per cento all'80 per cento di batteria in 15 minuti.


Non ci sono sussidi né incentivi. Basta pensare che i due tassisti che ora guidano le auto elettriche hanno perso il diritto al credito d’imposta sul carburante. Non resta che augurarsi, dunque, una maggiore attenzione su questi temi da parte della politica.

In questo modo i tassisti disposti a passare all’auto elettrica aumenterebbero senz’altro e questo comporterebbe dei significativi vantaggi in termini di riduzione dell'inquinamento atmosferico e sonoro.

 

Share

Banner cittadini attivi

Banner io partecipo

Amministrazione condivisa

Funziona la nostra pubblica amministrazione? Le scelte importanti sono in mano ai cittadini? Opera in piena trasparenza? E' al servizio di chi la paga? Rende la vita delle persone a cui è al servizio più semplice? Possiamo farne a meno?

Sei domande, sei "no".

Amministrazione pubblica, un gigante del quale una società moderna sembra non poter fare a meno; ma che dovrebbe superare l'attuale stadio di declinazione pseudo democratica dell'amministrazione "reale", nel senso del re, evolvendo verso un'amministrazione "condivisa" cioè vissuta insieme a chi, oggi, la paga e la finanzia.

Guardare oltre

 

Su questi temi noi di OfficineEinstein siamo interessati perché il nostro fine è cercare di guardare oltre! Perché siamo convinti che non può esistere una società moderna, semplice, che permetta di vivere sereni senza un'amministrazione efficiente ed efficace. Tanta la strada da compiere.