testata

Unsetting sun

Un corto metraggio a basso costo e alto tasso di intelligenza. Con "Unsetting sun", il sole che non tramonta, Gianfranco Bonacci vuole sottolineare come la realtà percepita e trasmessa dal

sistema economico mediatico (televisioni, quotidiani, settimanali) sia una finzione scenica, un set cinematografico che inganna gli abitanti del pianeta. O, ancor più, come la realtà nella quale noi crediamo di vivere sia il frutto di una messinscena che ci inganna e ci nasconde anche gli aspetti più evidenti ed eclatanti della vita sul pianeta. Insomma, un cartone animato che lancia un duro attacco alla globalizzazione del pianeta e al pericolo di trovarsi a vivere in dimensioni parallele alla realtà, senza renderseno conto. Insomma Unsetting sun è figlio concettuale di Matrix il film del 1999 scritto e diretto da Lana e Andy Wachowski, vincitore di quattro Oscar.

 

"Unsetting sun" lancia il suo messaggio, attraverso i semplici e schietti disegni di Lorenzo Susi, portando le conseguenze della finzione agli estremi della parodia.

 

Il cortometraggio è stato caricato, ed è visibile, su Cubovision award. Conclusasi il 7 novembre l'opportunità di partecipare al concorso dura, invece, fino al 26 novembre la possibilità di votare (tramite facebook) il corto preferito tra i 226 video che si sono iscritti al concorso organizzato da Cubovision award in collaborazione con Rai3.

 

Tra i corto più votati, la giuria presieduta niente di meno che da Ron Howard (regista di "A beautiful mind" e "Angeli e demoni") e della quale fanno parte anche Carlo Verdone, Cristina Capotondi, Francesco Bruni, Raffaella Leone, Guglielmo Scilla e Paolo Del Brocco, sceglierà il vincitore.

 

Leggi anche

Massacesi Luca (2015), Il sistema economico mediatico, Officine Einstein, politiche di comunicazione, 5 gennaio 2015.

 

Share