testata

London tube. Un labirinto con via d'uscita.

I pendolari che ogni giorno si calano nell'intricato sistema metropolitano londinese sono accolti, da qualche settimana, da una serie di opere d'arte realizzate da Mark Wallinger per celebrare i 150 anni dell'underground più famosa del mondo. Per ora le opere sono dieci ma, entro l'estate, diventeranno 270, tante quante le stazioni della rete.

A scegliere la mano di Wallinger è stata la più imponente commissione artistica che sia stata mai composta.

 

Le dieci immagini installate sono tutte in bianco e nero e misurano circa un metro per un metro; il tratto è deciso e d'impatto; il soggetto rappresentato è sempre lo stesso:  un labirinto. Ovviamente in forme diverse. Un labirinto che richiama la complessità della mappa sotteranea, ma anche le circonvoluzioni celebrali di chi, inoltrandosi nei cunicoli della metropolitana, si appresta ad affrontare una giornata di duro lavoro.

Il messaggio però è positivo: la "x" rossa posizionata all'imbocco del labirinto ha sempre la sua via d'uscita.

 

 

«Ognuno si muoverà con la sua mappa mentale, ha commentato l'artista, una rappresentazione di orientamento e contemplazione che è l'esperienza di milioni di londinesi ogni giorno».

 

Non è la prima volta che il "tubo" si trasforma in una galleria d'arte pubblica. Nel 1930 furono commissionate ad Harold Stabler le sculture in bronzo che si ergono sulle griglie di ventilazione della Piccadilly Line. Da allora si sono alternati artisti del calibro di Cindy Sherman, Barbara Kruger, Liam Gillick, Sarah Morris e Gavin Turk.

 

Legittima, quindi, la soddisfazione di Mark Wallinger:

«È sicuramente il sogno di ogni artista creare un lavoro permanente che sarà incrociato da così tante persone».

 

 

Wallinger posa accanto a una delle sue opere.

 

20130517 ged wallinger1

 

 

Tre dei duecentosettanta labirinti realizzati da Wallinger.

 

20130517 ged wallinger2

 

Immagine di un secondo labirinto realizzato da Wallinger.

 

Immagine di un terzo labirinto realizzato da Wallinger.

 

Share