testata

Metamorphosis. Reinterpretare il sughero.

Metamorphosis, in mostra al Monastero di Jeronimos nei pressi di Belém, quartiere di Lisbona, è il risultato di un progetto di ricerca incentrato sul sughero che rivolge lo sguardo alle applicazioni innovative, creative e borderline di questo materiale profondamente portoghese, con l'obiettivo di esplorare il suo potenziale ed espandere le possibilità di espansione commerciale.

L'azienda Amorim ha arruolato dieci designer e architetti internazionali per la mostra, dando loro carta bianca per creare esempi stimolanti e innovativi sulla riusabilità, la biodegradabilità e la versatilità del materiale.

 

Applicazioni originali

Alcuni dei modelli hanno reso il materiale praticamente irriconoscibile. Un paio di scarpe di sughero disegnate da Jasper Morrison per Camper sono, ad esempio, una rielaborazione fedele del primo prodotto del brand spagnolo alla fine del 1920.

L'architetto cileno Alejandro Aravena, noto per lo sviluppo di idee e progetti in campo sociale, ha presentato "Soft Monoliths" un rivestimento di sughero per l'edilizia;

Eduardo Souto de Moura una serie di maniglie e corrimano;  Alvaro Siza un incastro di due sgabelli cilindrici, dal design ergonomico, con assorbimento degli urti per il massimo comfort. Infine Amanda Levete ha sviluppato mobili presentati come "kit di sughero": due pezzi geometrici modulari che, se combinati, possono esseri usati come sgabello, tavolo, scale o rivestimenti da parete con proprietà di isolamento acustico.

 

Gli elementi modulari di Amanda Levete

 

Gli sgabelli di Alvaro Siza

 

Le maniglie di Eduardo Souto de Moura

 

Le scarpe Camper reinterpretate da Jesper Morrison

 

Le applicazioni per l'edilizia di Alejandro Aravena

Share