testata

Dignità, integrità, naturalità e fertilità

In occasione del primo European socialing forum, svoltosi a Milano il 15 maggio, è stata presentata la Carta universale dei diritti della terra coltivata che sarà portata all'Expo 2015. 

La carta si fonda su quattro principi, dignità, integrità, naturalità e fertilità, e si pone al centro di una riflessione molto ampia sulla necessità di cambiare modello di sviluppo, non solo per un'emergenza ecologica sempre più evidente, ma anche per un'emergenza economica. 

Abbiamo affrontato questo tema parlando di bioeconomia, un tema presente anche al Forum, e che nella Carta prende la voce e la firma di Vandana Shiva:

 

"Per uscire dalla crisi e per dare un nuovo futuro alle giovani generazioni – ha spiegato Vandana Shiva agli studenti presenti nell'aula magna della Bicocca il 16 maggio - è necessario un cambiamento di paradigma: dobbiamo abbandonare l'austerità per tornare alla semplicità. L'allontanamento dalla Terra è ciò che causa la crisi, solo il ritorno alla terra madre, organismo vivente che interconnette tutti noi, può quindi accordarsi con un modello di sviluppo alternativo, al cui centro si trova il benessere dell'umanità e dal quale nascono prodotti di qualità e nuovi posti di lavoro. Insomma, il futuro della Terrà è la terra stessa".

 

Ma L'European socialing forum è stata l'occasione per presentare il Socialing, un nuovo modello di sviluppo economico e culturale nato con l’obiettivo di proporre alle organizzazioni e alle imprese nuovi approcci etici verso i consumatori in un cambiamento epocale che ha radicalmente modificato il tradizionale rapporto tra domanda e offerta.

Un passaggio che dal marketing "condizionante" arriva alla creazione di nuovi paradigmi di creazione del valore attraverso la riflessione integrata sulla capacità di creare relazioni interne ed esterne (anche grazie alle tecnologie 2.0). 

 

Un ruolo fondamentale in questo passaggio è rappresentato da come ci rapportiamo con l'ecosistema che ci ospita e crediamo che portare all'attenzione i diritti delle terre coltivate, sperando in un loro sempre maggiore rispetto, sia uno dei modi migliori per Officine Einstein di festeggiare la Giornata mondiale del'ambiente.

 

Il logo della Giornata mondiale dell'ambiente 2013

 

 

Fonti

da: www.grenme.it

da socialing.org: La rassegna stampa dell'evento

 

Share