testata

Contatti

Per entrare in relazione con noi scrivi a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Anche se non sei socio, puoi partecipare alla vita di Officine Einstein segnalando articoli, libri, norme, sentenze, seminari e convegni riguardanti i dodici argomenti delle nostre rubriche.

 

Puoi inviare anche i tuoi contributi sotto forma di commenti, recensioni o saggi; saranno valutati dalla redazione e, se ritenuti coerenti con la linea editoriale del settimanale, normalizzati redazionalmente e pubblicati.

 

I pochissimi raffinati gourmet che fossero rimasti fulminati sulla via di Damasco di fronte alla qualità dei nostri progetti di comunicazione, o alla grafica dei nostri strumenti o all'impostazione dei nostri concept possono coinvolgerci nelle loro ambizioni o nei loro problemi utilizzando lo stesso canale:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Share

Economia della conoscenza

Mettere in atto la conoscenza significa generare valore. 

Un tema che risale fin dai tempi più antichi ma che oggi sta assumendo il profilo di approccio strategico di fronte al cambiamento sociale ed economico che abbiamo la fortuna (o la sfortuna, scegliete voi) di vivere. 

 

La conoscenza è una risorsa

economica che, però, non fa più solo parte dei catalizzatori della generazione di ricchezza; essa stessa è ricchezza, è bene (economico). 

Ma non è un bene come tutti gli altri, si comporta in modo strano, rispetto agli altri, e per questo ha bisogno di un’attenzione particolare. 

 

I mediatori cognitivi

OfficineEinstein ha scelto di occuparsene perché crede che questa attenzione debba essere dedicata prima di tutto dai comunicatori, che rivestono il difficile e importante ruolo di mediatori cognitivi. 

Per abbassare tutto più a livello dello sguardo: d’accordo creare relazione e credibilità. Ma per raccontare cosa? Per far conoscere come? 

 

Il gioco si fa duro.