testata

Contatti

Per entrare in relazione con noi scrivi a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Anche se non sei socio, puoi partecipare alla vita di Officine Einstein segnalando articoli, libri, norme, sentenze, seminari e convegni riguardanti i dodici argomenti delle nostre rubriche.

 

Puoi inviare anche i tuoi contributi sotto forma di commenti, recensioni o saggi; saranno valutati dalla redazione e, se ritenuti coerenti con la linea editoriale del settimanale, normalizzati redazionalmente e pubblicati.

 

I pochissimi raffinati gourmet che fossero rimasti fulminati sulla via di Damasco di fronte alla qualità dei nostri progetti di comunicazione, o alla grafica dei nostri strumenti o all'impostazione dei nostri concept possono coinvolgerci nelle loro ambizioni o nei loro problemi utilizzando lo stesso canale:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Share

Banner cittadini attivi

Etica e beni comuni

Dei beni comuni non se ne occupa nessuno. Solo i cittadini. E nel farlo si dimostrano culturalmente e politicamente più avanti della classe "dirigente", avendo capito che dalla cura dei beni comuni dipende la qualità delle loro vite. Dell'etica non se ne occupa nessuno. Nemmeno i cittadini.

Cosa sono i beni comuni?

Sono beni sia materiali (acqua, aria, paesaggio, spazi urbani, ambiente, territorio, beni culturali, strade, scuole, ospedali, biblioteche, musei), sia immateriali (riconoscimento del merito, etica,legalità, salute, conoscenza, cultura, lingua, memoria collettiva). Cos'é l'etica? Un bene comune

I beni comuni non sono nè pubblici (nel senso di beni dello Stato), nè privati. Nessuno può possedere i beni comuni, ma tutti li possono usare. Se vengono rispettati e utilizzati, si vive meglio.

Perché beni comuni e etica insieme?

Perché la cura dei primi e l'ossessiva regola personale della seconda sono le chiavi per un salto impressionante nella qualità della nostra vita, in particolare in Italia. E perché in entrambi i "casi" la situazione del nostro Paese è drammatica.