testata

Contatti

Per entrare in relazione con noi scrivi a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Anche se non sei socio, puoi partecipare alla vita di Officine Einstein segnalando articoli, libri, norme, sentenze, seminari e convegni riguardanti i dodici argomenti delle nostre rubriche.

 

Puoi inviare anche i tuoi contributi sotto forma di commenti, recensioni o saggi; saranno valutati dalla redazione e, se ritenuti coerenti con la linea editoriale del settimanale, normalizzati redazionalmente e pubblicati.

 

I pochissimi raffinati gourmet che fossero rimasti fulminati sulla via di Damasco di fronte alla qualità dei nostri progetti di comunicazione, o alla grafica dei nostri strumenti o all'impostazione dei nostri concept possono coinvolgerci nelle loro ambizioni o nei loro problemi utilizzando lo stesso canale:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Share

Ofe4.1-ottimizzarsi

Reti e social network

Sembra più semplice iniziare dalla seconda locuzione di questa categoria:

"social network".

Probabilmente solamente alcuni anni fa non avremmo creduto quanto la forma matura del web 2.0 avrebbe modificato la vita personale e professionale; quanto la stessa vocazione alle relazioni pubbliche della comunicazione debba essere ripensata con l’acuirsi dell’importanza della nostra identità social. Insomma, altro che virali. Oseremmo dire genetici.

Reti pluraliste

Accanto alla diffusione dei social network, come paradigma e non solo come mezzo o canale, la moltiplicazione delle manifestazioni della rete, essa stessa paradigma della comunicazione, ben prima dell’avvento dell’attuale panorama. Per questo abbiamo scelto “reti” e non semplicemente “rete”: un plurale che ci consente di allargare lo sguardo a molteplici mondi fino a qualche tempo fa considerati paralleli ma che oggi rendono superata da distinzione tra off e on line.

A mo' di Leopardi

Ce n’è, per OfficineEinstein, da dire, da scrivere, da approfondire, da studiare, senza paura di perdersi, perchè “il naufragar m'è dolce in questo mare”.