testata

Un diavolo che è diventato un angelo?

Oltre 45milioni di utenti in 196 paesi hanno utilizzato la piattaforma Change.org, avvalendosi del supporto tecnico e professionale di oltre 150 persone presenti in diciotto paesi e che compongono lo staff della piattaforma di petizioni on line.

Il team di professionisti di Change.org supporta gli autori delle varie petizione per ottenere il cambiamento che vogliono raggiungere.


Ogni giorno 500 petizioni vengono lanciate da migliaia di persone che utilizzano gli strumenti messi a disposizione da Change.org per trasformare le proprie comunità, a livello locale, nazionale e globale: che si tratti di una madre che si batte contro episodi di bullismo nella scuola di sua figlia, di clienti che chiedono alle banche di eliminare costi ingiusti, o cittadini che chiedono di migliorare servizi di cui sono fruitori o che vengano eliminate ingiuste forme di discriminazione.


Change.org ha un modello di business che permette alla piattaforma di crescere rapidamente e essere finanziariamente autosufficiente, fornendo a decine di milioni di persone una piattaforma gratuita per “costruire il cambiamento“.
A differenza della maggior parte delle compagnie, Change.org è concentrata interamente sulla sua missione di rendere le persone attori di cambiamento e investe tutte le entrate nei servizi rivolti agli utenti.
Questa attenzione sulla missione e non sul profitto è alla base del motivo per cui il dominio internet termina in “.org” e non in “.com”.


I fondi di Change.org provengono da petizioni sponsorizzate da altre organizzazioni come ad esempio Amnesty International o Medici Senza Frontiere.
Le organizzazioni interessate a promuovere le loro campagne o petizioni attraverso la piattaforma Change.org acquistano spazi su Change.org sotto forma di petizioni sponsorizzate, un metodo simile ai video sponsorizzati su YouTube, i link su Google o i tweet sponsorizzati su Twitter.

 

Benjamin Michael Rattray

Prima di seguire la sua passione Benjamin Michael Rattray è cresciuto pensando di fare un sacco di soldi a Wall streetAll'inizio l'idea era semplice: mettere da parte abbastanza soldi per ritirarsi a trent'anni. 

Attraverso questi sei brevi video, Ben Rattray ci racconta qual è il ruolo del business nei cambiamenti sociali e come, seguendo la sua passione, cambiò il modo di pensare sé stesso guidato dalla volontà di migliorare il mondo.

 

La rivelazione: cosa posso fare per servire il mondo?
Come è arrivato a capire che creare un'impresa sociale può incrementare notevolmente il benessere delle società ed aiuta a scoprire il meglio di se stessi.

La complessità: uno strumento semplice per i cambiamenti.
Sarebbe potuto essere invitante creare complicati strumenti o piattaforme, ma mantenere le cose semplici per gli utilizzatori può moltiplicare i risultati.

La missione: unire il profitto al benessere sociale.
Benjamin Michael spiega come fare soldi non esclude il fare e l'occuparsi del bene comune, le due cose non sono incompatibili o esclusive, in particolare a lungo termine.

Le persone: ogni singolo business è una impresa sociale
Non importa che tipo di affari stai facendo, le tue decisioni coinvolgono le persone, dalla propria ristretta cerchia dei propri impiegati, al mondo intero.

Q&A, domande & risposte: 10 milioni di persone sono più potenti di 10 milioni di dollari
Ben Rattray da riposte riguardo petizioni, soldi, mission e idee.

 

Il suo percorso lo ha guidato a fondare nel 2007 Change.org, una piattaforma on-line gratuita di campagne sociali.
Negli Stati Uniti è registrata come B Corporation, una "impresa sociale" che utilizza la potenza dell’impresa per il bene sociale, si può dire un nuovo tipo di società.


Una certificazione che richiede standard elevati di prestazioni sociali e ambientali, fissati da un organismo indipendente. Change.org è stata nominata tra le dieci migliori imprese sociali che determinano un impatto positivo sulla comunità.
La missione di Change.org è permettere a tutte le persone in tutto il mondo di creare il cambiamento che vogliono vedere, unendo i valori di un'organizzazione no profit con la flessibilità e l'innovazione di una startup tecnologica.

 

La piattaforma italiana

La piattaforma italiana propone e raggruppa le petizioni per i seguenti argomenti:

  • ambiente,
  • animali,
  • corruzione,
  • cultura,
  • giustizia,
  • immigrazione
  • lgbt (acronimo utilizzato come termine collettivo per riferirsi a persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender),
  • mafia,
  • salute
  • e scuola.

 

Invita a seguirli nel vivere questo momento eccezionale, in cui la possibilità di fare la differenza è più grande che mai.

 

Se prima unire le persone dietro una causa richiedeva fatica, soldi, tempo e infrastrutture complesse, oggi la tecnologia ci ha reso più connessi e finalmente tutti possono lanciare una campagna e mobilitare in poco tempo centinaia di persone localmente o centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo, rendendo governi e associazioni più reattivi e responsabili.

 

Accelerare questa forte evoluzione, semplificando il modo di fare la differenza per dimostrare a tutti cosa si può ottenere quando si decide di agire e farsi sentire.

 

Fonti

Change

Small business ideas and resources for entrepreneurs

Share

Ofe4.1-ottimizzarsi

Reti e social network

Sembra più semplice iniziare dalla seconda locuzione di questa categoria:

"social network".

Probabilmente solamente alcuni anni fa non avremmo creduto quanto la forma matura del web 2.0 avrebbe modificato la vita personale e professionale; quanto la stessa vocazione alle relazioni pubbliche della comunicazione debba essere ripensata con l’acuirsi dell’importanza della nostra identità social. Insomma, altro che virali. Oseremmo dire genetici.

Reti pluraliste

Accanto alla diffusione dei social network, come paradigma e non solo come mezzo o canale, la moltiplicazione delle manifestazioni della rete, essa stessa paradigma della comunicazione, ben prima dell’avvento dell’attuale panorama. Per questo abbiamo scelto “reti” e non semplicemente “rete”: un plurale che ci consente di allargare lo sguardo a molteplici mondi fino a qualche tempo fa considerati paralleli ma che oggi rendono superata da distinzione tra off e on line.

A mo' di Leopardi

Ce n’è, per OfficineEinstein, da dire, da scrivere, da approfondire, da studiare, senza paura di perdersi, perchè “il naufragar m'è dolce in questo mare”.