testata

Robbie Cooper e la sua Immersion di emozioni

Robbie Cooper rilancia il suo progetto del 2008: Immersion. Che cos'è Immersion? E' un'opera digitale -una serie di video- realizzata incorporando una macchina da presa in un computer e riprendendo il coinvolgimento emotivo degli utenti, soprattutto giovani, mentre giocano con videogames o guardano filmati, cartoni animati, notizie. 

Ora, dopo quasi cinque anni, Robbie Cooper ha deciso di ampliare la portata del progetto Immersion realizzando una piattaforma che permetterà a chiunque diventare protagonista dei suoi video. Un esempio di crowdsourcing artistico. L'ambiziosa operazione sarà finanziata grazie ai contributi che verranno raccolti su Kickstarter, sito che raccoglie finanziamenti per sostenere progetti creativi.

 

La piattaforma che ha immaginato Robbie Cooper consisterà in un portale temporaneo accessibile tramite password che permetterà a chiunque di condividere video e foto realizzati con una semplice webcam e interagire con i documenti postati da altri utenti.

Per Robbie Cooper il sito dovrà semplicemente guidare l'utente ad esprimere la sua creatività, per questo lo immagina il più indeterminato possibile in modo da consentire la più ampia gamma di manipolazioni.

 

Le parole di Robbie Cooper

«L'idea è quella di prendere un ritratto della nostra cultura attraverso lo schermo. Un viaggio attraverso la nostra vita di consumatori di media,» spiega l'artista.

Cooper è interessato al modo in cui Immersion si evolverà in una piattaforma aperta on-line. «E' una questione di dibattito quasi costante, come la realtà mediata influenza la percezione della nostra vita», ha aggiunto.

 

 

Il video Immersion realizzato nel 2008

 


Free Joomla Extensions

 

Share

Archivio

Immagini e realtà

Immagine e realtà. Un confine che è sempre stato assai labile, ma che con l'avvento delle nuove tecnologie è diventato indefinibile e sofisticato.

Realtà e irrealtà

Cercheremo di indagare come la realtà e l'irrealtà è stata rappresentata attraverso immagini. Parleremo quindi di arte, di cinema, di fotografia, di realtà virtuale; ma anche di mitologia e di letteratura.

Definire un non-confine

Non abbiano ancora chiare le idee di come ne parleremo e con quali equilibri. Questi ultimi li metteremo "a fuoco" man mano che andremo avanti, perché non è affatto facile definire un non-confine.