testata

Caffè sospeso

20130823 caffé sospeso

Non è solo una bella immagine ma, soprattutto, rappresenta una bella realtà. Un regalo di quella città stupenda che è Napoli e della generosità dei suoi abitanti.

Un bel gesto che pian piano si sta diffondendo in tutta la penisola e, ora, anche in qualche paese europeo: quando si va al bar per un caffè se ne pagano due o tre per chi non può permettersi il lusso di sostare al bar per la bella bevanda tanto amata; si chiama "caffè sospeso"

Chi ha problemi entrando al bar chiede: "c'è un caffè sospeso?" se c'è viene subito servito.
Da qualche tempo oltre al caffè c'è chi lascia sospeso anche un panino o un pasto.

 

Un bel gesto discreto e d'amore verso il prossimo per chi è stato mortificato dalla vita.

 

 

Share

Archivio

Immagini e realtà

Immagine e realtà. Un confine che è sempre stato assai labile, ma che con l'avvento delle nuove tecnologie è diventato indefinibile e sofisticato.

Realtà e irrealtà

Cercheremo di indagare come la realtà e l'irrealtà è stata rappresentata attraverso immagini. Parleremo quindi di arte, di cinema, di fotografia, di realtà virtuale; ma anche di mitologia e di letteratura.

Definire un non-confine

Non abbiano ancora chiare le idee di come ne parleremo e con quali equilibri. Questi ultimi li metteremo "a fuoco" man mano che andremo avanti, perché non è affatto facile definire un non-confine.