testata

Coca Cola o Nutella?

Luca, Maria, Alessandro, Sara, un amico, l'amore... Aggirarsi tra gli scaffali di un supermercato è un'esperienza che sta perdendo l'immediatezza dettata dalla fredda e puntuale lista della spesa: individuo un prodotto; dò un'occhiata veloce alla data di scadenza; lo infilo nel carrello.

Grazie a Coca Cola e Nutella possiamo trovare, se si ha pazienza e se il supermarcato non è in chiusura, barattoli o lattine impreziositi dal nostro nome o da quello di un amico, di un parente, di una persona cara. Può anche capitare di assistere a scene curiose e impensabili fino a pochi mesi fa: persone che scattano una fotografia a una lattina per poi riporla sullo scaffale.

 

Personalizzazione

Ma inimmaginabile è soprattutto l'operazione di marketing adottata dai due colossi alimentari: decapitare il proprio marchio dall'etichetta e sostituirlo con nomi propri. Due strategie molto simili, ma articolate con opportuni richiami alla storia e all'immaginario dei due brand: la condivisione per la Coca Cola; la nostalgia e la memoria nel caso di Nutella.

In realtà non si tratta di due campagne isolate, ma di una tendenza, la differenzazione, che sta invadendo, ormai da tempo, la pubblicità e la confezione del prodotto stesso. Ovviamente la potenza dei due marchi in questione l'ha fatta esplodere fragorosamente, attirando l'attenzione di consumatori, del mondo dell'informazione e degli esperti di comunicazione e marketing.

 

Una tendenza

Prima di Coca Cola e Nutella possiamo infatti citare il caso della birra Heineken, che più di un anno fa ha lanciato una piattaforma digitale di e-commerce che dà l'opportunità di  ricevere a casa un set di bottiglie personalizzate con colori e slogan scelti tra quaranta temi  a loro volta suddivisi in cinque aree tematiche: dreams, color, international, life, passion. Le tre migliori personalizzazioni sono state premiate con un viaggio ad Amsterdam, la città dell'Heineken.

Chi è appassionato di sport ricorda sicuramente le personalizzazioni offerte, ormai da svariati anni, da Nike per disegnare, colorare e firmare le proprie scarpe da jogging o da calcio.

Sempre in ambito di abbigliamento e accessori, ma decisamente più eleganti e costosi, ricordiamo che anche il celebre marchio francese Louis Vuitton permette di aggiungere le proprie iniziali allo storico monogramma.

Adam è invece l'urban car lanciata da Opel che consente elaborazioni quasi infinite di colori e accessori tanto da rendere praticamente unico ogni esemplare.

Insomma, più che una tendenza una vera e propria ossessione che coinvolge anche i bambini con gli zainetti personalizzabili di My Style o con il set di piatti, proposto da Eonline, con il nome dipinto accanto alla sirenetta per lei o al pirata per lui.

 

La lattina di Coca Cola personalizzata

 

Un barattolo di Nutella personalizzato

 

Il tool per personalizzare la tua bottiglia di Heineken online

 

Il tool per personalizzare online le tue scarpe Nike

 

Il tool per personalizzare online l'Opel Adam

 

Esempi di borse Louis Vuitton personalizzate con il monogramma del proprietario

Share

Archivio

Immagini e realtà

Immagine e realtà. Un confine che è sempre stato assai labile, ma che con l'avvento delle nuove tecnologie è diventato indefinibile e sofisticato.

Realtà e irrealtà

Cercheremo di indagare come la realtà e l'irrealtà è stata rappresentata attraverso immagini. Parleremo quindi di arte, di cinema, di fotografia, di realtà virtuale; ma anche di mitologia e di letteratura.

Definire un non-confine

Non abbiano ancora chiare le idee di come ne parleremo e con quali equilibri. Questi ultimi li metteremo "a fuoco" man mano che andremo avanti, perché non è affatto facile definire un non-confine.