testata

A Natale siamo tutti più buoni...

Nel periodo natalizzio imperversano pubblicità che invitano ad essere buoni, inneggiando allo spirito di condivisione, ai valori della famiglia,  presentandoci continuamente spot grondandi melassa. Quindi a Natale siamo tutti più buoni...o quasi tutti.
Infatti un pizzico di cattiveria forse è quello che ci vuole per uscire dagli schemi ed emergere nell bombardamento delle campagne natalizie dei competitors.
Per questo segnalo, grazie alcuni dei "cattivi" dell'advertising natalizio 2013.

 

Al primo posto la rivista specializzata in horror Fangoria che per la campagna per il lancio degli abbonamenti, ha deciso di  mettere in scena un killer natalizio in pan di zenzero che uccide  i propri simili utilizzando elettrodomestici e attrezzi da cucina.

 

20131209 ier fangoria1

20131209 ier fangoria2

20131209 ier fangoria3

 

Al secondo posto dei "cattivi" delle pubblicità natalizie, c'è Philips, con la campagna del rasoio Bodygroom for Men, che, a mio parere, non ha bisogno di commenti.

 

20131209 ier philips1

 

Al terzo posto, segnalo Selpack a cui non interessa che  tu sia entusiasta, commosso o schifosamente triste, l'importate è la soluzione:  usare i fazzoletti Selpack, che asciugano le tue lacrime siano esse di gioia o di disperazione.

 

20131209 ier selpack1

20131209 ier selpack2

20131209 ier selpack3


Fonti
Ninjamarketing

Share

Archivio

Immagini e realtà

Immagine e realtà. Un confine che è sempre stato assai labile, ma che con l'avvento delle nuove tecnologie è diventato indefinibile e sofisticato.

Realtà e irrealtà

Cercheremo di indagare come la realtà e l'irrealtà è stata rappresentata attraverso immagini. Parleremo quindi di arte, di cinema, di fotografia, di realtà virtuale; ma anche di mitologia e di letteratura.

Definire un non-confine

Non abbiano ancora chiare le idee di come ne parleremo e con quali equilibri. Questi ultimi li metteremo "a fuoco" man mano che andremo avanti, perché non è affatto facile definire un non-confine.