testata

Anche la crisi, può essere sfruttata.

Qualche giorno fa ho ricevuto una cartolina d'auguri virtuale da Infojobs. Per chi non lo sapesse Infojobs è un portale per la ricerca di lavoro.  Chi è iscritto è ovviamente alla ricerca di un impiego, e quindi o è disoccupato, o è precario o semplicemente non soddisfatto dell'attuale impiegno. 
Appena aperta la mail, ho pensato si trattasse di un errore non voluto, ed ho pensato "Ma guarda questi che nemmeno sprecano tempo a controllare i refusi!"
Poi, guardando più attentamente, sono riuscita a decifrare il sofisticato (e aggiungo cervellotico) messaggio di auguri che Infojobs ha voluto dedicare ad i suoi iscritti:

Quest'anno è stato un anno particolare, in cui diverse cose non sono sembrate andare a posto. Ma è arrivato il momento degli auguri, degli abbracci, dei sorrisi e delle feste. Il torrone, i regali i festeggiamenti con i propri cari. Sono queste le cose che fanno sì che in questo periodo tutto sembri comunque in ordine.

20131225 ier infojobs

 

Istantaneamente ho avuto due reazioni:
la prima di ammirazione per l'originalità degli auguri;
la seconda, di estremo fastidio per il modo in cui, chi ha ideato la campagna di auguri, ha deciso di sfruttare contemporanemamente la crisi economica e sociale ed il Natale.  

 

Per carità, non che siano i primi e tantomento saranno gli ultimi, ma l'idea che sia proprio un'agenzia per il lavoro, settore estremamente delicato in questo momento storico, a farlo mi ha davvero irritato.
Mi lascia anche perplessa l'ingenuità del concept alla base del messaggio, per il quale il Natale dovrebbe rendere la situazione (attualmente tragica) meno difficile. Una sorta di Panacea che rende tutto più sopportabile.

Ma davvero? Perchè a me sembra che, quest'anno, il momento più difficile per le famiglie sia proprio il Natale!  Tra le ristrettezze economiche, non solo di chi è in oggettiva difficoltà, ma anche delle famiglie ancora benestanti, che per il fattore "povertà percepita" consumeranno molto meno rispetto ai precedenti anni, tra chi ha perso il lavoro e non riesce a trovarne un altro, o addirittura tra chi ha perso un familiare o una persona cara che ha compiuto un gesto di disperazione in seguito di un fallimento economico,
Poco manca perchè perfino Babbo Natale, quest'anno sia disoccupato!  

Perciò vorrei proprio sapere, caro Infojobs, chi si rallegrerà dei torroni, dei regali e delle feste?







 

 

 

Share

Archivio

Immagini e realtà

Immagine e realtà. Un confine che è sempre stato assai labile, ma che con l'avvento delle nuove tecnologie è diventato indefinibile e sofisticato.

Realtà e irrealtà

Cercheremo di indagare come la realtà e l'irrealtà è stata rappresentata attraverso immagini. Parleremo quindi di arte, di cinema, di fotografia, di realtà virtuale; ma anche di mitologia e di letteratura.

Definire un non-confine

Non abbiano ancora chiare le idee di come ne parleremo e con quali equilibri. Questi ultimi li metteremo "a fuoco" man mano che andremo avanti, perché non è affatto facile definire un non-confine.