testata

Diversity management

Performance organizzativa, armonia della comunità e benessere delle persone sono gli obiettivi delle politiche di diversity management. L'importanza di favorire l'integrazione dei lavoratori stranieri in un'azienda è sempre più rilevante se si considera che in Italia, dati Istat alla mano, sono oltre due milioni (ovvero un decimo della forza lavoro). O almeno lo erano prima della crisi del 2012.

OfficineEinstein ha sviluppato una propria metodologia "Innestare la multiculturalità ®" per introdurre una politica di diversity management o, per dirla in italiano, per sviluppare politiche di inclusione, nelle organizzazioni: aziende in primo luogo, ma anche amministrazioni pubbliche.

Adottare una strategia di "innesto della multiculturalità" e, conseguentemente, dotarsi di opportuni strumenti di comunicazione e coinvolgimento può senz’altro migliorare il clima organizzativo, facilitando i flussi informativi e la condivisione degli obiettivi di impresa, contribuendo ad aumentare la soddisfazione dei lavoratori e, più in generale, migliorare l’efficienza aziendale.

Bisognerà dunque impostare un piano di gestione coerente con le risorse disponibili e definire gli obiettivi che ne conseguono; successivamente progettare e rendere operativo un piano di verifica e monitoraggio dei risultati raggiunti.

 

La metodologia proposta da OfficineEinstein

Quale metodologia adottare per introdurre una politica di diversity management in un'azienda?
La proposta elaborata da OfficineEinstein, sulla scorta di un laboratorio sperimentale avviato da Impronta etica, prevede un percorso articolato in cinque fasi che, attraverso la ricerca e l’elaborazione di soluzioni personalizzate, permette di definire una strategia disegnata sulle esigneze specifiche dell’azienda, dell'amministrazione pubblica e dei suoi dipendenti.

Il percorso, facilmente adattabile in qualsiasi contesto, prevede queste fasi di lavoro:

  • analisi d'ambiente: essere consapevoli della propria realtà, definire obiettivi coerenti e integrati con la strategia d’impresa, censire e comprendere caratteristiche e aspettative dei propri dipendenti e dell’ambiente esterno;
  • analisi di dinamicità interna: individuare le proprie possibilità di azione per aumentare la propria capacità di dare risposta ai problemi e cogliere le opportunità;
  • programma di azione strategica: scegliere le soluzioni e identificare le modalità di intervento più adeguate e i relativi strumenti;
  • piano di comunicazione: utilizzare la comunicazione, creando specifici canali, per fertilizzare il terreno orhganizzativo e rendere quasi naturale l'innesto di specifiche politiche di accoglienza;
  • valutazione vettoriale: misurare gli esiti e pianificare le azioni future per dare effettivo seguito alle azioni, monitorando gli sviluppi e ponendosi obiettivi di miglioramento.

 

 Ofe16.14-grafico

Il ruolo della comunicazione

Le proposte consulenziali e lo scambio di esperienze hanno portato alla definizione e alla progettazione di almeno tre strumenti operativi.

  • il mansionario linguistico: una check list per la redazione di un mansionario linguistico, utile a capire quali sono le “mansioni linguistiche” di ciascuna funzione e identificare gli strumenti più efficaci da utilizzare.
  • il questionario di accoglienza: per l’identificazione dei bisogni dei lavoratori stranieri, un importante strumento di analisi, funzionale alla definizione delle politiche e dei percorsi specifici da attuare per ottimizzare e rendere più efficace la comunicazione tra l’azienda e i lavoratori stranieri. È il primo passo, necessario per entrare in contatto e comprendere l'ambiente aziendale e, conseguentemente, delineare gli ambiti di criticità avviando il percorso che porta sino alla definizione delle soluzioni e delle relative azioni da implementare;
  • il kit di benvenuto, strumento di supporto pratico per l’inserimento del lavoratore straniero all’interno dell’azienda e nella comunità di riferimento. L'esperienza consulenziale e operativa sviluppata da OfficineEinstein ha permesso di sviluppare una traccia per la predisposizione del kit aziendale per i lavoratori differenziato tra stranieri, donne, anziani, neoassunti al primo impiego, che le aziende possono sviluppare e personalizzare in base alle proprie esigenze.

 

La gestione della diversità

L’importanza di attuare un percorso di sensibilizzazione e azione sul tema della diversità in azienda è data dalla consapevolezza che all’interno delle organizzazioni troviamo un immenso patrimonio di diversità, rappresentato dalle persone che ne fanno parte. La sfida delle politiche di inclusione culturale e sociale sta nel riuscire a non appiattire, ma anzi di valorizzare questo patrimonio.

Venfgono, dunque spontanee alcune domande: la gestione delle “diversità” può realmente rappresentare una strategia di innovazione e responsabilità sociale per le imprese?
In che modo le strategie di diversity management possono influire sulle performance aziendali? Perché le imprese dovrebbero occuparsi di comunicazione con i lavoratori stranieri?

 

Diversi studi hanno dimostrato che le politiche di inclusione e l’integrazione di strategie di diversity management hanno un impatto positivo su vari aspetti, tra cui:

  • il miglioramento degli stili manageriali,
  • le competenze patrimonializzate in azienda
  • le qualità delle performance in termini di controllo della qualità,
  • la gestione del personale,
  • l’individuazione degli obiettivi e la pianificazione.

 

Questi studi teorici sono stati confortati anche dai risultati ottenuti dalle esperienze condivise nel corso del Laboratorio sviluppato da ImprontaEtica.

La capacità di non appiattire, ma anzi di valorizzare il contributo:

  • delle donne e degli uomini,
  • dei giovani e degli over 50,
  • di chi possiede competenze, abilità e culture diverse

è quella che nel contesto attuale, e sempre di più in futuro, può consentire all’impresa di aumentare:

  • l’innovazione,
  • la creatività,
  • la flessibilità interna,
  • la motivazione
  • e la produttività del personale,

guadagnando, così, un reale vantaggio competitivo sul mercato, adattandosi ed anticipando i cambiamenti demografici in atto.


Inoltre, garantisce la creazione di un clima di reciproco scambio e di collaborazione che incoraggia le persone a restare e a crescere.

 

La metodologia che ha portato al vademecum?

Impronta Etica, un’associazione senza scopo di lucro nata nel 2001 per volontà di alcune imprese emiliano-romagnole per la promozione e lo sviluppo della responsabilità sociale d’impresa (Rsi) ha avviato un Laboratorio tra le aziende associate “Lavoratori stranieri in azienda: comunicazione e coinvolgimento”, i cui esiti sono presentati nel vademecum Comunicazione e coinvolgimento dei lavoratori stranieri in azienda: strumenti e buone pratiche.

Il Laboratorio ha coinvolto i soci aventi in comune particolari esigenze organizzative e gestionali sul tema della comunicazione con i lavoratori stranieri nella ricerca di soluzioni innovative e responsabili attraverso il confronto, la cooperazione e la co-progettazione di percorsi aziendali, trovando all’interno del gruppo di lavoro le risorse necessarie per affrontare la tematica, in un ambiente tra pari, dove Impronta Etica ha ricoperto il ruolo di facilitatore del processo.

 

Fonti

Il laboratorio “Lavoratori stranieri in azienda: comunicazione e coinvolgimento”

Impronta etica

Sodalitas social solution

Csr Europe’s company Csr solutions

Portale Eumobility Net

Toolkit a cura di Fondazione Sodalitas e Unar “La multiculturalità, un valore per l'impresa”

 

Share

Comportamenti aziendali

Ci interessa ragionare sull'organizzazione delle strutture, sulle metodologie, sulle discipline che regolano le organizzazioni.

Teoria e pratica

Ma ben sappiamo che la modellistica è poca cosa se non viene applicata, e che per aver successo deve diventare un comportamento adottato dalle persone che costituiscono l'organizzazione.

Rapporto tra qualità e efficienza

Le aziende, non quelle monopolistiche, né spesso quelle pubbliche, tra le varie forme organizzative, sono quelle costrette a dedicare molto impegno per trovare i modelli organizzativi più sofisticati ed efficaci. Il corretto rapporto tra qualità e efficienza ne garantisce la sopravvivenza.

Per il bellessere

Per questo studieremo le aziende per anticipare comportamenti che potranno essere declinati per tutte le organizzazioni che riuniscono risorse e persone per raggiungere degli obiettivi.
Che per OfficineEinstein devono essere obiettivi sostenibili, solidali ed etici finalizzati a migliorare il bellessere dei uomini e donne.