testata

La comunità di pratica in pillole

Un agile e sintetico prontuario per chi sta avviando o sta pensando di avviare una Comunità di pratica.

 

Sette sono gli elementi essenziali di una comunità di pratica:

1. condivisione dell’esperienza

un compito complesso e le sue difficoltà;

 

2. prossimità comunicativa

che rende possibili relazioni sociali e scambi di esperienze;

 

3. spontaneità ed informalità delle relazioni

esse si sviluppano negli interstizi della vita organizzativa a prescindere dalle regole formali dell’organizzazione;

 

4. cooperazione

adattamento reciproco e sostegno reciproco davanti ai problemi da risolvere;

 

5. improvvisazione

davanti al problema che non si riesce a risolvere si procede per prova ed errore inventando alla fine la soluzione;

 

6. narrazione

il racconto di un’esperienza di successo non solo, attraverso l’ordine logico della sua ricostruzione, trova una formalizzazione ed una cristallizzazione utile per il futuro, ma riesce anche ad essere comprensibile agli altri colleghi. Diventa parte integrante della memoria collettiva del gruppo;

 

7. identità

nella misura in cui l’insieme si riconosce nel gruppo e vive come proprio il patrimonio delle conoscenze generate da tutti, il senso di appartenenza si rafforza, si infittisce la “produzione” di culture e linguaggi di gruppo.

 

Fonte

“La comunità di pratica come contesto di apprendimento”, articolo di Domenico Lipari che verrà pubblicato a breve su "Aif Learning news"

 

 

Share

Comportamenti aziendali

Ci interessa ragionare sull'organizzazione delle strutture, sulle metodologie, sulle discipline che regolano le organizzazioni.

Teoria e pratica

Ma ben sappiamo che la modellistica è poca cosa se non viene applicata, e che per aver successo deve diventare un comportamento adottato dalle persone che costituiscono l'organizzazione.

Rapporto tra qualità e efficienza

Le aziende, non quelle monopolistiche, né spesso quelle pubbliche, tra le varie forme organizzative, sono quelle costrette a dedicare molto impegno per trovare i modelli organizzativi più sofisticati ed efficaci. Il corretto rapporto tra qualità e efficienza ne garantisce la sopravvivenza.

Per il bellessere

Per questo studieremo le aziende per anticipare comportamenti che potranno essere declinati per tutte le organizzazioni che riuniscono risorse e persone per raggiungere degli obiettivi.
Che per OfficineEinstein devono essere obiettivi sostenibili, solidali ed etici finalizzati a migliorare il bellessere dei uomini e donne.