testata

Innestare conoscenze e competenze nelle pmi

Le metafore con cui di solito ci si riferisce all’azienda sono tante, poiché è vasta, fin troppo, la letteratura sull’argomento. Tutti ne parlano, ne scrivono e teorizzano, tranne quelli che la vivono giorno per giorno e cercano di risolverne i problemi. La più interessante è forse la metafora che considera l’azienda come un albero: le radici, il tronco, i rami, le foglie e i frutti.

 

Quindi parliamo di innesto.
L’innesto è un metodo con il quale si ottiene un nuovo individuo saldando tra di loro due o più varietà di piante. La tecnica dell’innesto consiste, nella pratica, nel far saldare la parte viva di una pianta su di un’altra pianta provvista di radici. La porzione di pianta che verrà ospitata andrà a costituire la parte superiore del futuro individuo; il tronco, invece, costituirà la base che, con le proprie radici, procurerà il nutrimento e fungerà da sostegno.

 

Dar vita ad un nuovo e migliore individuo

Perché le piante vengono innestate? I motivi sono assai vari, per esempio, si può innestare una pianta semplicemente per salvarla da morte certa, salvando la parte non colpita dalla malattia ed innestandola su un individuo sano, oppure per creare una nuova specie, per migliorare le caratteristiche di un determinato tipo di pianta, per consentire ad una pianta di poter sopravvivere fornendole migliori caratteristiche che si adattino all’ambiente e così via… Insomma per dare vita ad un nuovo e migliore individuo.

 

140520 coa innesto

 

Un innesto, per poter andare a buon fine, deve avvenire in particolari condizioni e deve essere eseguito secondo determinate modalità che, se non attuate, porterebbero quasi certamente alla morte delle due parti.

Per la buona riuscita di un innesto è infatti necessario che le due piante siano botanicamente affini, ma questo non vuol dire che debbano per forza appartenere alla stessa specie; un innesto può infatti essere fatto tra specie e varietà dello stesso genere così come tra generi diversi della stessa famiglia od anche tra piante appartenenti a famiglie diverse ma con le stesse caratteristiche esteriori e comportamentali.

 

A questo punto sorvoliamo sulle varie tecniche d’innesto. Anche se la terminologia è a tratti interessante e a volte curiosa e divertente. Diremo solo che esistono due tipi di innesto che si suddividono secondo le diverse modalità e tecniche:

  • il primo è l’innesto a gemma in cui vengono utilizzate le gemme provenienti da rami,
  • il secondo è invece il cosiddetto innesto a marza che avviene utilizzando un’intera porzione di ramo dotata di numerose e particolari gemme.

 

L’innesto a gemma può essere:

  • a toppa,
  • a pezza
  • o a tassello,
  • ad anello
  • o a zufolo.

 

L’innesto a marza può invece essere:

  • a spacco comune,
  • a sperone,
  • a cavallo,
  • a spacco terminale.

 

Fuori di metafora, ora, stiamo parlando di azienda, tronco, su cui innestiamo un dirigente, gemma, portatore di conoscenza e competenza. Non stiamo parlando dell’inserimento in azienda di un consulente ma di un vero e proprio innesto in azienda di un dirigente esperto e competente, e questo vuol dire affrontare diversi problemi da risolvere con metodo.

D’altra parte anche per un innesto in agricoltura è necessario operare con una certa metodologia per essere sicuri che esso vada a buon fine.

 

L'innesto in azienda

Si tratta quindi di preparare sia l’azienda a ricevere l’innesto sia il dirigente a diventare un buon innesto portatore di frutti in modo da creare un nuovo soggetto.

Il problema principale delle pmi (micro, piccole e medie imprese) è certamente la crescita. Le pmi hanno quindi il problema di migliorare la cultura aziendale, le strategie e l’operatività. Crescere quindi in qualità: le dimensioni cresceranno di conseguenza.

 

Il ragionamento è logico e molto semplice: se voglio far crescere il mio fatturato (l’unica cifra positiva, col segno più, nel mio conto economico, tutte le altre cifre hanno il segno meno) ho un’unica possibilità: far crescere la mia quota di mercato cioè essere più competitivo sul mio mercato, meglio ancora creare un nuovo mercato in cui essere, almeno all’inizio, il solo player.

 

Per far crescere la mia quota di mercato avrò bisogno di modificare i miei processi interni, nel senso di renderli più efficienti (più produttività e quindi meno costi) e più efficaci (innovazione di prodotto e di processo). Di conseguenza l’attenzione va posta sui collaboratori che possono fornire queste prestazioni.
La ricerca e la selezione di collaboratori operativi è complessa perché il personale specializzato è sempre più difficile da trovare e perché questa categoria tende ad essere attratta dalle grandi imprese.

 

Ma ancora più complesso e difficile risulta l’inserimento di dirigenti nelle pmi, per motivi interni ed esterni. I motivi interni sono la scarsa disponibilità finanziaria e psicologica dell’assetto proprietario delle pmi.

Si tratta della resistenza, in generale, dell’imprenditore ad inserire nell’impresa, in funzione dirigenziale, persone estranee alla propria famiglia. Per quanto riguarda i motivi esterni si tratta di modificare l’atteggiamento di manager che, provenendo da grandi imprese, spesso sanno dire cosa fare e non sanno e, o, non vogliono fare. Si tratta quindi in molti casi di dirigenti che propendono legittimamente verso la professione di consulenti classici, che resistono al coinvolgimento legato a risultati.

 

I problemi delle Pmi italiane

In sintesi i problemi delle piccole e medie imprese, il 95 per cento delle imprese italiane, si possono indicare in:

  • una cultura d’impresa spesso eccessivamente focalizzata sui soli fattori produttivi e non sempre adeguata a cogliere in maniera efficace gli stimoli provenienti dall’esterno;
  • la difficoltà a disporre della capacità finanziaria atta a sostenere in modo adeguato la crescita.
  • Il problema della difficoltà di reperimento delle figure manageriali deriva dai costi elevati non sempre correlati alla dimensione del budget di spesa, ma anche alla circostanza che le piccole imprese, nella loro generalità, sono piuttosto restie ad inserire al proprio interno persone con funzioni dirigenziali, una cautela che ha origine, soprattutto, nella spiccata tendenza del piccolo imprenditore ad accentrare su di sé (o al massimo sui componenti della propria famiglia) tutte le principali funzioni direttive e di responsabilità.

 

La presenza di questo elemento, cioè la scarsa attenzione verso le figure manageriali rappresenta un limite decisivo della possibilità dell’impresa di svilupparsi e di sfruttare eventuali opportunità esterne favorevoli.


Il problema dell’accentramento imprenditoriale costituisce infatti in molte piccole imprese un rilevante fattore di debolezza, in quanto la natura dell’azienda fortemente centrata sulla figura dell’imprenditore o sulla sua famiglia costituisce un ostacolo importante alle sue possibilità di sviluppo e sulle sue prospettive di competitività, in quanto determina una sensibile difficoltà nello sviluppo di forme di collaborazione strutturata che portino alla “creazione di sistemi e di network di imprese”.

 

La piccola impresa nasce e si consolida normalmente sulla base di una profonda competenza relativa al prodotto ed al processo produttivo; in linea generale, è notevole anche la conoscenza del mercato di riferimento. Si manifestano invece particolarmente deboli le competenze più specificamente gestionali: in particolare,

  • l’orientamento strategico,
  • il marketing,
  • l’organizzazione di vendita e commerciale,
  • la gestione finanziaria,
  • la logistica
  • ed i processi di intelligence.

 

Sensibilizzazione imprenditori, dirigenti, consulenti

Si tratta, in conclusione, di operare su due obiettivi idonei a favorire un progetto di innesto.

 

Sensibilizzazione imprenditori e dirigenti
Attraverso meeting fisici e virtuali renderli consapevoli della necessità per le pmi di utilizzare strumenti avanzati di organizzazione, marketing, risorse umane, amministrazione e ricerca e sviluppo. Sfatare il mito dell’impossibilità di adottare strumenti complessi adatti solo a grandi imprese.

 

Sensibilizzazione manager e professional
Attraverso meeting fisici e virtuali renderli consapevoli della necessità di adattare le proprie conoscenze ed esperienze alla esigenze delle pmi, molto diverse da quelle delle grandi imprese.

 

(Tras)formare dirigenti e professional in imprenditori, rinunciando quindi al ruolo di impiegati o consulenti pagati ad ore e senza responsabilità per i risultati, in grado di utilizzare strumenti avanzati di organizzazione, marketing, risorse umane, amministrazione e ricerca e sviluppo adattandoli alla realtà delle pmi.


Su questa vision si è costituita un’associazione di piccoli imprenditori e professional esperti decisi a portare avanti in maniera concreta, e senza scopo di lucro, il progetto innesto.

 

Fonte

Giuseppe Monti, Innestare conoscenze e competenze nelle Pmi, Il giornale delle Pmi

 

Leggi anche

Luca Massacesi, L'innesto in azienda, Officine Einstein

Share

Comportamenti aziendali

Ci interessa ragionare sull'organizzazione delle strutture, sulle metodologie, sulle discipline che regolano le organizzazioni.

Teoria e pratica

Ma ben sappiamo che la modellistica è poca cosa se non viene applicata, e che per aver successo deve diventare un comportamento adottato dalle persone che costituiscono l'organizzazione.

Rapporto tra qualità e efficienza

Le aziende, non quelle monopolistiche, né spesso quelle pubbliche, tra le varie forme organizzative, sono quelle costrette a dedicare molto impegno per trovare i modelli organizzativi più sofisticati ed efficaci. Il corretto rapporto tra qualità e efficienza ne garantisce la sopravvivenza.

Per il bellessere

Per questo studieremo le aziende per anticipare comportamenti che potranno essere declinati per tutte le organizzazioni che riuniscono risorse e persone per raggiungere degli obiettivi.
Che per OfficineEinstein devono essere obiettivi sostenibili, solidali ed etici finalizzati a migliorare il bellessere dei uomini e donne.