testata

Forse un giorno un dio

Forse un giorno un dio
(se ci sarà)
ci chiederà


dove eravamo


mentre noi chiamavamo risorse le persone
e ‘loro’ trasformavano le risorse in pedine
e sostenevano che l’obbedienza è sempre una
virtù
e chi non obbedisce è un nemico del
mercato
e dell’impresa e del cambiamento
e dell’innovazione e del progresso
e chi pensa
disturba
se non pensa come tutti
cioè non pensa come ‘loro’
e soprattutto non pensa
positivo.


Forse un giorno un dio
(se ci sarà)
ci chiederà


dove eravamo


E noi diremo che eravamo
a un convegno
(l’ennesimo convegno)
dedicato alla ‘importanza strategica delle risorse umane’
e a quel convegno stavamo ascoltando o tenendo
una relazione
(l’ennesima relazione
uguale a tutte le altre relazioni
già ascoltate o tenute negli anni)
che inneggiava
ai ruoli irrinunciabili e magnifici e progressivi
della Direzione Risorse Umane
e della funzione Formazione e Sviluppo
e dei consulenti tutti e di Change Management soprattutto
(che vuol dire com’è ovvio ‘gestione del cambiamento’,
ma in inglese viene meglio, naturalmente)

 

Forse un giorno un dio
(se ci sarà)
ci chiederà


dove eravamo


Quando non ci saranno più persone
e le risorse umane saranno (appunto) solo pedine
orgogliose di essere
pedine
e non sapendo di non essere più
persone
neppure più si domanderanno
le persone com’erano
una volta
quando ancora tutti vivevano
e ancora non funzionavano
nel nome del dio mercato
che è figlio del dio denaro
e gemello di sorella morte


Ma forse un giorno
nessun dio ci sarà


O, se ci sarà,
non ci riterrà degni
neppure di una domanda


E anche lui
ci tratterà
come noi tutti ormai ci trattiamo
nelle imprese e nella vita:
da pedine


Se non servi un calcio e via

 

 

Fonte

Ferrario M. (2014), Forse un giorno un dio, ‘lo sguardo poIetico’ 372, 28 giugno 2014, http://twl.sh/1juv2aH )

Share

Comportamenti aziendali

Ci interessa ragionare sull'organizzazione delle strutture, sulle metodologie, sulle discipline che regolano le organizzazioni.

Teoria e pratica

Ma ben sappiamo che la modellistica è poca cosa se non viene applicata, e che per aver successo deve diventare un comportamento adottato dalle persone che costituiscono l'organizzazione.

Rapporto tra qualità e efficienza

Le aziende, non quelle monopolistiche, né spesso quelle pubbliche, tra le varie forme organizzative, sono quelle costrette a dedicare molto impegno per trovare i modelli organizzativi più sofisticati ed efficaci. Il corretto rapporto tra qualità e efficienza ne garantisce la sopravvivenza.

Per il bellessere

Per questo studieremo le aziende per anticipare comportamenti che potranno essere declinati per tutte le organizzazioni che riuniscono risorse e persone per raggiungere degli obiettivi.
Che per OfficineEinstein devono essere obiettivi sostenibili, solidali ed etici finalizzati a migliorare il bellessere dei uomini e donne.