testata

Pubblici, racconti e personaggi

D’accordo, lo confesso. Ho copiato.

A mia difesa (non uso il plurale maiestatis) posso dire di averlo fatto inconsapevolmente, ho un subconscio particolarmente invasivo ed egocentrico. Ma rimane il fatto che ho copiato.

L’avrete certamente visto: un video pubblicitario di YouTube, su YouTube che promuove la possibilità di un'azienda di promuoversi attraverso un video YouTube... appunto.

 


Free Joomla Extensions

 

Questo video è estremamente interessante per due espressioni che utilizza e che mostrano gli sviluppi della comunicazione.

La prima è l’utilizzo della metafora di una casa che cresce quando si parla della propria azienda, una metafora ripresa nella nostra infografica che parla delle nostre abitazioni nella rete e di come attrezzarci per dare una buona ospitalità a chi ci viene a fare visita (le corrispondenze lessicali sono sempre illuminanti).

 

Il secondo elemento è che parla di pubblico. Far crescere il proprio pubblico per far crescere la propria attività, raccontando una storia, la propria storia.

 

Il pubblico

E’ passato un nanosecondo e mi torna in mente l’impostazione di uno dei nostri strumenti più importanti, come comunicatori: il Piano di Comunicazione, dove non si parla di clienti, di utenti, di visitatori, di consumatori, ma di pubblici.

E allo stesso tempo quando il video si riferisce alla dimensione del racconto, mi torna in mente la costruzione di un’identità comunicativa (scusate, un’identità, senza aggettivi) che può essere pensata come il protagonista del racconto. Per lui si costruisce lo stile, la storia, l’aspetto, il carattere, la personalità. un brand, come se fosse un personaggio.

L’obiezione che spesso viene rivolta a questa impostazione è: "ma è tutto costruito, dove è la spontaneità?"

Non posso che rispondere che anche Amleto è costruito. Eppure ho conosciuto poche persone umane come lui.

 

 

Share

Banner Pillole di buona comunicazione

Ofe4.1-sgcp

Banner volti comunicazione

Archivio

Politiche di comunicazione

Per chi si occupa di una professione capita spesso di ritenere che questa professione sia al centro del mondo. Se non altro per questo ci potrà essere perdonato quando sosteniamo che:

 
la comunicazione è tutto!

Certamente non è tutto, ma la sua trasversalità la rende simile al prezzemolo, sta bene ovunque.

 
Parleremo

quindi di strategie di comunicazione e delle conseguenti tecniche.

Parleremo di strumenti, di attività, di canali di comunicazione.

 
Sopratutto noi

di OfficineEinstein indulgeremo a rileggere la comunicazione come una competenza da saper adoperare con maestria per accompagnare il cambiamento senza indulgere alla manipolazione.