testata

Ottimizzazione e Joomla

Forse non ce lo siamo ancora detti, ma il sito di Officine Einstein è realizzato attraverso Joomla. Per questo, contemporaneamente alla creazione del sito ci siamo posti la necessità di renderlo ottimale per la sua indicizzazione e per il suo posizionamento, che poi altro non significa che far crescere, bene, il nostro spazio online.

Approfittiamo della opera di ottimizzazione e cerchiamo di riassumere qui alcuni principi utili che riguardano Joomla, in questo ambito. 

La prima cosa da chiarire è: la indicizzazione e il posizionamento sono due cose diverse. 

Wikipedia ce la spiega facile: 

«L'indicizzazione di un sito Internet, in altre parole, è il momento in cui il sito viene riconosciuto dai motori di ricerca e quindi compare nelle loro pagine di risposta alle interrogazioni degli utenti web

Così come nelle righe seguenti, definisce anche il secondo termine: 

«Diversa cosa è il posizionamento, che è invece un'azione volta a determinare che un sito compaia in una specifica posizione nelle pagine di risposta dei motori (cioè nelle prime posizioni).»

Questa prima distinzione ci consente di individuare e separare i fattori che determinano dapprima la indicizzazione, di seguito il posizionamento. 

Ma andiamo con ordine.

 

I fattori interni per l'indicizzazione

Ciò che determina per un sito realizzato in Joomla la indicizzazione è racchiuso nella locuzione "fattori interni", quegli elementi, cioè, che sono modificabili direttamente attraverso Joomla

Vediamoli. 

 

Come deve essere il template

Il template è la componente di Joomla che determina il layout sito. Per aiutare la indicizzazione questo deve essere ottimizzato e, quindi: le tabelle non devono essere usate per l'impaginazione, i contenuti hanno priorità nell'ordine della lettura del template, gli standard html e css devono essere rispettati

Inoltre è importante naturalmente la gradevolezza estetica, ma la priorità rimane sempre la lettura dei motori di ricerca.

 

Metatags e keyword

Anche se nel corso del tempo la loro importanza è calata, è sempre meglio inserire delle parole chiave all'interno non solo dell'intero sito, ma anche del singolo articolo perché rappresenta in ogni modo la cura nei confronti dei contenuti e del proprio lettore. Intravediamo in questo punto un principio che ritroveremo come fondamentale: il motore di ricerca apprezza sempre l'attenzione e la cura anche nei più piccoli particolari

 

Tag title, h1 e alias

Senza entrare troppo nel tecnico, questo fattore interno ci indica come variare per uno stesso articolo il titolo che compare sulla finestra del browser (title), il titolo vero e proprio dell'articolo, che deve essere definito tramite un pezzettino di codice html che si chiama h1, e l'alias un valore presente all'interno del singolo articolo funzionale per la creazione degli url. 

La variazione di questi tre elementi, oltre a dare maggiori informazioni al motore di ricerca, aiutandolo a valutare il contenuto, comunica anche una cura particolare nella redazione dell'articolo. 

 

Gli attributi delle immagini e dei link

Ancora più semplice, per chi conosce due cose di html, è questo fattore esterno. Quando si inserisce un'immagine o un link (anche e soprattutto attraverso un editor che non ci fa toccare il codice) è sempre bene inserire la descrizione della immagine e del link. Perché? Leggi il punto precedente. 

 

Configurazione globale

Infine nel pannello di controllo di Joomla ci sono alcune opzioni base il cms offre proprio per l'indicizzazione e che riguardano soprattutto la creazione di url molto semplici e brevi da leggere. 

 

Ora che abbiamo visto quali sono i fattori interni, molto utili per l'indicizzazione, scopriamo l'altra parte del cielo. 

 

I fattori esterni per il posizionamento

Il primo e il più importante è il contenuto: se non scriviamo cose inedite e interessanti, possiamo scoprire i migliori trucchi seo, ma il motore di ricerca non ci presterà attenzione

Intorno a questo banale quanto importante principio, il resto. 

 

Link a fonti autorevoli

Inserire collegamenti a siti che sono "affermati" (se possiamo usare questa espressione) è letto dai motori di ricerca come la volontà da parte del sito di offrire approfondimenti di qualità al suo lettore. La cosa piace molto. 

 

Link building

Speculare al punto precedente è la presenza di collegamenti in siti dalla buona fama che riportino a noi. Una certificazione di qualità che il motore di ricerca prende molto in considerazione. 

 

Social button e "rimbalzi"

Altro modo per aumentare la popolarità del proprio sito, testimonianza della sua affidabilità per i motori di ricerca, è da un lato promuovere i contenuti sui social network, dall'altro prevede i bottoni che consentono la condivisione dei contenuti sugli stessi all'interno della pagina dell'articolo. 

 

Robots.txt e sitemap

Entrando negli aspetti più tecnici è altrettanto importante formulare un corretto file che si chiama robots.txt e che ha la funzione di gestire la lettura da parte degli spider  del motore di ricerca delle cartelle presenti nel sito. Questo al fine di convogliare l'azione di lettura del motore solo sulle parti che ci interessano

Un altro modo per aiutare il motore di ricerca è la creazione di una sitemap da inviare ai motori di ricerca. Il suo scopo è quello di fornire una vera e propria mappa del sito, per orientarsi meglio. 

 

Alcune estensioni

Visto che parliamo di Joomla, infine, citiamo la possibilità di inserire alcune estensioni appositamente studiate ad hoc per la indicizzazione e per il posizionamento del sito da installare nel nostro cms

 

Magari questo viaggio all'interno delle basi della ottimizzazione del sito realizzato in joomla può essere stato anche un po' noioso, ma possiamo affermare che la qualità del sito e la sua rilevanza nei risultati sono due facce della stessa medaglia. Una conclusione che ci consola, se possiamo permetterci, e che ci consente di avere un obiettivo unico (e rafforzato su più fronti): la semplice qualità. 

 

Fonti

Il posizionamento sui motori di ricerca di un sito in Joomla! 

da Joomla.it

di Maurizio Palermo

Share

Banner Pillole di buona comunicazione