testata

Progetti generatori di entrate

Nei progetti di sviluppo locale previsti dalla programmazione economica dell'Unione europea una quota dei finanziamenti può essere destinata a interventi infrastrutturali che, una volta operativi o funzionanti producono delle entrate. E' il caso di palestre, di piscine, di musei, ma anche di acquedotti, impianti di produzione energetica. Il documento che alleghiamo a questo articolo, redatto nell'ambito del Por Creo Fesr Toscana 2007-2013, si propone di dare orientamenti e indicazioni tecniche per chiarire le modalità di finanziamento dei Progetti generatori di entrate.

Ma cosa sono, esattemente, i Pge?
Si definiscono i Progetti generatori di entrate (Pge)

«le operazioni che comportano un investimento in infrastrutture il cui utilizzo sia soggetto a tariffe direttamente a carico degli utenti o qualsiasi operazione che comporti la vendita o la locazione di terreni o immobili o qualsiasi altra fornitura di servizi contro pagamento».

 

Sommario del documento

1. Progetti generatori di entrate nel 2007-2013


1.1 Nuovo metodo di calcolo


1.2 Procedure per la misurazione delle entrate nette

 

2. Analisi dei progetti generatori di entrate


2.1 Aspetti generali


2.2 Determinare il periodo temporale di riferimento


2.3 Definire le variabili monetarie


2.4 Costi di investimento


2.5 Costi di esercizio e di manutenzione


2.6 Entrate


2.7 Valore residuo


2.8 Entrate nette, attualizzazione e calcolo del deficit di finanziamento


3. Casi di detrazione e restituzione dei contributi concessi ai progetti generatori di entrate


3.1 Aspetti generali


3.2 Detrazioni


3.3 Restituzioni


3.4 Monitoraggio


4. Scheda di calcolo


4.1 Struttura della scheda


4.2 Identificazione dell’operazione


4.3 Analisi della domanda soddisfatta dall’intervento e determinazione delle tariffe


4.4 Costi di investimento


4.5 Costi operativi


4.6 Determinazione delle entrate nette e del deficit di finanziamento.


Scarica il documento in formato pdf (4 mb)

 

 

Share

Sviluppo e identità locale

Potrebbe essere una delle sfide che la società moderna deve vincere per recuperare un equilibrio sostenibile nel suo sviluppo: ancorarlo al territorio riducendo il bisogno del trasferimento di merci, persone, funzioni e servizi.

La sfida è particolarmente intrigante

in Italia il paese dei cento comuni, in realtà degli 8.092 comuni. 5.683 dei quali al di sotto dei cinquemila abitanti. Rappresentano ancora un’Italia “minore” per la popolazione che vi risiede (circa un sesto del totale), ma è quella che contribuisce al carattere inconfondibile del nostro Paese.

Con l'Unione europea

Se, da una parte, l'Unione europea da un paio di decenni promuove e finanzia lo sviluppo locale, dall'altra i risultati sono insoddisfacenti. Per l'incapacità delle Regioni di gestire il processo? In questa sezione cercheremo di capire cosa si può fare per incentivare l'efficacia degli investimenti e sviluppare una forte economia locale.