testata

I numeri del bel Paese

Un pò di numeri sull'Italia li volevamo mettere su questo sito, o meglio, in questo caso, in questo archivio. Tanto per averli sempre sottomano e sapere dove trovarli.

L’Istat ha pubblicato i dati definitivi sul numero di abitanti che vivevano in Italia il 9 ottobre 2011, data di riferimento dell’ultimo (il quindicesimo) censimento. La cifra è leggermente diversa da quella che era stata anticipata ad aprile: secondo i dati di oggi, i residenti in Italia erano 59.433.744. Il numero, pubblicato ieri sulla Gazzetta ufficiale, diventa il riferimento legale fino al prossimo censimento ed è perciò chiamato “popolazione legale”.

 

Crescono gli stranieri diminuiscono i nativi

L’Istat scrive che l’aumento della popolazione rispetto al precedente censimento è interamente dovuto agli stranieri, che al 9 ottobre 2011 erano 4.029.145,  perché la popolazione di cittadinanza italiana è in realtà leggermente diminuita:
Rispetto al 2001 (56.995.744 residenti) l’incremento è del 4,3%, da attribuire esclusivamente alla componente straniera. Infatti, nel decennio intercensuario la popolazione di cittadinanza italiana è diminuita di oltre 250 mila individui (-0,5%), mentre quella straniera è aumentata di 2.694.256 unità.

 

La popolazione

I numeri, più di tutto, mostrano con efficacia quanti siamo e dove siamo in Italia e i cambiamenti legati alla popolazione che si sono verificati in oltre 150 anni di unione. I dati definitivi, con qualche aggiustamento e nuove analisti statistiche, saranno diffusi nei prossimi mesi e completeranno la fotografia scattata idealmente a tutti noi insieme il 9 ottobre del 2011.

  • 59.464.644 sono le persone che vivono in Italia;
  • 28.750.942 i maschi;
  • 30.713.702 le femmine;
  • in media ci sono 52 donne ogni 100 abitanti;
  • 4.029.145 sono gli stranieri
  • 2.612.068 è il numero di abitanti di Roma, il comune più popoloso d’Italia;
  • 30 è il numero di residenti di Pedesina (Sondrio), il comune meno popoloso d’Italia;
  • 12.311,7 è il numero di abitanti per chilometro quadrato di Portici (Napoli), il comune più densamente popolato;
  • il 46 per cento dei cittadini vive al Nord, il 19 per cento al Centro e il 35 per cento al Sud e nelle isole;
  • 2.468.900 è il numero di persone in più censite rispetto al 2001, l’anno del precedente censimento;
  • 22 milioni era il numero di persone che viveva in Italia secondo il primo censimento del 1861: in 150 anni la popolazione è quasi triplicata;
  • 3.769.518 sono le persone straniere che vivono abitualmente in Italia, sono quasi tre volte il numero registrato dieci anni fa;
  • 2,4 è il numero di componenti in media di una famiglia italiana;
  • 6,34 per cento è l’incidenza di stranieri sul totale della popolazione;

 

Il territorio
  • 8.093 sono i Comuni in Italia;
  • 5.683 sono i Comuni con popolazione inferiore ai cinquemila abitanti;
  • 70 è la percentuale di comuni con popolazione inferiore ai cinquemila abitanti;
  • 0,2 chilometri quadrati è l’estensione di Fiera di Primiero (Trento), il comune meno esteso d’Italia;
  • 1.307,7 chilometri quadrati è l’estensione del comune più esteso: Roma;
  • 28.863.604 sono le abitazioni presenti in Italia;
  • 14.176.371 il numero di edifici;
  • 9.607.577 sono i numeri civici in Italia;
  • 71.101 persone dichiarano di vivere in tende, roulotte o baracche, nel 2001 erano poco più di 23mila.
  • 246 sono nel 2012 le bandiere blu. Nel 2008 erano 104, nel 2011 11 in meno (235)

 

Fonti

"1861-2011. L'Italia in cifre", Istat.

Share

Sviluppo e identità locale

Potrebbe essere una delle sfide che la società moderna deve vincere per recuperare un equilibrio sostenibile nel suo sviluppo: ancorarlo al territorio riducendo il bisogno del trasferimento di merci, persone, funzioni e servizi.

La sfida è particolarmente intrigante

in Italia il paese dei cento comuni, in realtà degli 8.092 comuni. 5.683 dei quali al di sotto dei cinquemila abitanti. Rappresentano ancora un’Italia “minore” per la popolazione che vi risiede (circa un sesto del totale), ma è quella che contribuisce al carattere inconfondibile del nostro Paese.

Con l'Unione europea

Se, da una parte, l'Unione europea da un paio di decenni promuove e finanzia lo sviluppo locale, dall'altra i risultati sono insoddisfacenti. Per l'incapacità delle Regioni di gestire il processo? In questa sezione cercheremo di capire cosa si può fare per incentivare l'efficacia degli investimenti e sviluppare una forte economia locale.