testata

Letteratura classica per un parcheggio

I tempi sono cambiati, i libri rischiano di essere rimpiazzati da Kindles, iPads e dvd e la letteratura da sfogliare rischia tristemente di diventare obsoleta, almeno nelle intenzioni di alcuni operatori e nella testa di alcune persone.

Per rilanciare il fascino della cultura classica e il bene comune della memoria e della riscoperta delle radici di ogni luogo, interviene il motore della sussidiarietà che ha coinvolto gli abitanti di una città (in questo caso Kansas city, al centro degli Stati Uniti d'America, nello stato del Missouri) per scegliere ventidue titoli di libri che maggiormente rappresentano, appunto, la città.

 

fiancata del parcheggio della biblioteca cittadina

 

Abili interventi di fotoritocco, su gigantografie di libri antichi e rari, hanno inserito i titoli più votati, per ricoprire la facciata della semplice costruzione in alluminio, del parcheggio della biblioteca cittadina.

I progettisti di Dimensional Innovations, hanno ricavato, tra le coste riprodotte di ogni antico e prezioso volume, una struttura con finestre in plexiglass, per far passare la luce all'interno del parcheggio.

L'enorme scaffale della "biblioteca della memoria" di Kansas city è diventato un polo riconoscibile e riconosciuto dell'ambiente urbano.

Ritrovare celebrata in una simile rappresentazione artistica la letteratura che maggiormente rispecchia le caratteristiche della città è stata l'occasione per la riscoperta del bene comune dell'identità di una comunità; e, nel contempo, un'occasione che ha divertito e intrigato i "kansansini" che, forse, saranno inspirati a prendersi una pausa dai monitor dei computer per concedersi una buona lettura.

 

fronte del parcheggio con i libroni in primo piano

 

 

 

 

 

Share

Sviluppo e identità locale

Potrebbe essere una delle sfide che la società moderna deve vincere per recuperare un equilibrio sostenibile nel suo sviluppo: ancorarlo al territorio riducendo il bisogno del trasferimento di merci, persone, funzioni e servizi.

La sfida è particolarmente intrigante

in Italia il paese dei cento comuni, in realtà degli 8.092 comuni. 5.683 dei quali al di sotto dei cinquemila abitanti. Rappresentano ancora un’Italia “minore” per la popolazione che vi risiede (circa un sesto del totale), ma è quella che contribuisce al carattere inconfondibile del nostro Paese.

Con l'Unione europea

Se, da una parte, l'Unione europea da un paio di decenni promuove e finanzia lo sviluppo locale, dall'altra i risultati sono insoddisfacenti. Per l'incapacità delle Regioni di gestire il processo? In questa sezione cercheremo di capire cosa si può fare per incentivare l'efficacia degli investimenti e sviluppare una forte economia locale.