testata

Progetto Prisca

Prisca (Pilot project for scale re-use starting from bulky waste stream) è un progetto finanziato dalla Commissione europea attraverso il programma Life Plus Ambiente 2011 che si propone di dimostrare la fattibilità di due Centri di riuso, realizzati a Vicenza e a San Benedetto del Tronto, deputati ad avviare a riutilizzo i beni riusabili presenti nel flusso dei rifiuti solidi urbani e che, in assenza di una filiera organizzata, attualmente sono destinati perlopiù allo smaltimento.

 

Obiettivo del progetto è sperimentare un modello di Centro di riuso in grado di diminuire significativamente il quantitativo di beni riusabili presenti nel flusso dei rifiuti solidi urbani che oggi vengono smaltiti in discarica per renderlo replicabile a livello europeo. In parallelo il progetto contribuirà a sensibilizzare i cittadini sul tema della riduzione dei rifiuti, in particolare attraverso il riutilizzo dei beni postconsumo, attraverso una intensa attività di comunicazione che punta a far crescere la consapevolezza dei cittadini sull'importante valore ambientale del riutilizzo, nonché a mettere il progetto in rete con le buone pratiche europee sul tema.

 

Prisca nasce dalla collaborazione tra 6 partner dislocati su tutto il territorio nazionale.

  • Scuola superiore di studi universitari e di perfezionamento sant'Anna, Pisa: capofila, supervisione scientifica
  • Occhio del Riciclone, Roma: responsabile tecnico
  • Cooperativa sociale Insieme, Vicenza: sperimentazione operativa sul territorio
  • Valore ambiente srl, Vicenza: collaborazione nella sperimentazione operativa sul territorio
  • Comune di San Benedetto del Tronto, (AP): sperimentazione operativa sul territorio
  • WWF ricerche e progetti, Roma e Napoli: sensibilizzazione, diffusione delle buone prassi

 


Free Joomla Extensions

Share

Sviluppo e identità locale

Potrebbe essere una delle sfide che la società moderna deve vincere per recuperare un equilibrio sostenibile nel suo sviluppo: ancorarlo al territorio riducendo il bisogno del trasferimento di merci, persone, funzioni e servizi.

La sfida è particolarmente intrigante

in Italia il paese dei cento comuni, in realtà degli 8.092 comuni. 5.683 dei quali al di sotto dei cinquemila abitanti. Rappresentano ancora un’Italia “minore” per la popolazione che vi risiede (circa un sesto del totale), ma è quella che contribuisce al carattere inconfondibile del nostro Paese.

Con l'Unione europea

Se, da una parte, l'Unione europea da un paio di decenni promuove e finanzia lo sviluppo locale, dall'altra i risultati sono insoddisfacenti. Per l'incapacità delle Regioni di gestire il processo? In questa sezione cercheremo di capire cosa si può fare per incentivare l'efficacia degli investimenti e sviluppare una forte economia locale.