testata

Startup Europe Partnership

Si chiama Sep, Startup Europe Partnership ed è la prima piattaforma paneuropea pensata per dare un aiuto concreto alle startup che vogliono crescere e competere a livello globale. 

Alla guida della piattaforma la fondazione italo americana Mind the Bridge, con il supporto della fondazione inglese Nesta. 

L'iniziativa, inedita a livello europeo, fa parte delle sei azioni per l'imprenditorialità definite dal Entrepreneurship 2020 Action Plan e si pone l'obiettivo di creare un ponte tra il mondo delle startup e i grandi investitori. 

 

Il programma di Sep è stato lanciato lo scorso 23 gennaio da Neelie Kroes, vicepresidente della Commissione europea e responsabile per la Digital agenda, in occasione del Word economic forum a Davos. 

 

Il soffitto di vetro

Così Alberto Onetti, presidente di Mind the Bridge, ha commentato il progetto:

La Startup Europe Partnership è un programma centrale tra le azioni della Commissione europea e si propone un unico obiettivo, quanto mai critico: sostenere la crescita di startup europee e la creazione di imprese europee nel campo delle nuove tecnologie che siano capaci di competere a livello globale. Il tutto superando le separazioni tra paesi, enorme ostacolo alla competitività europea. Le startup hanno difatti bisogno di sfondare il “soffitto di vetro” che le separa dalla crescita sia dimensionale che internazionale. Ma serve per questo un cambio di mentalità”.

 

Dello stesso avviso la vicepresidente Kroes:

L'Europa ha bisogno di startup e di grandi aziende internazionali per diventare nuovamente un polo di crescita globale. I politici non creano posti di lavoro, gli imprenditori sì. Noi sosterremo questo tipo di mentalità e ci proponiamo di spingere le startup europee oltre la loro “comfort-zone”. Dopo di che ci toglieremo di mezzo. Infatti la cosa migliore che talvolta un leader politico può fare è proprio togliersi di mezzo.

 

Le tre linee di azione

Il programma di Sep si svilupperà lungo tre direttrici:

1. Mapping: una mappatura delle startup più promettenti, per realizzare racconti di successo e promozione di modelli di riferimento. 

2. Matching: una serie di eventi nelle principali città europee dove le startup potranno incontrare le aziende interessate alle loro innovazioni e ai loro servizi.

3. Sharing: la condivisione delle migliori pratiche svolte soprattutto in termini di imprenditorialità, per realizzare una "contaminazione" anche culturale tra le diverse startup. 

 

Non ci resta che attendere marzo, quando Sep inizierà concretamente a lavorare, per vedere questo ponte costruito eil soffitto di vetro finalmente sfondato. 

 

Fonti

Nasce la Startup Europe Partnership: alla guida, una fondazione italo-americana

da lastampa.it

 

Neelie Kroes lancia la Startup Europe Partnership

da 01net.it

 

L'italiana Mind The Bridge guiderà il progetto Ue per le startup

da repubblica.it

 

 

 

Share

Sviluppo e identità locale

Potrebbe essere una delle sfide che la società moderna deve vincere per recuperare un equilibrio sostenibile nel suo sviluppo: ancorarlo al territorio riducendo il bisogno del trasferimento di merci, persone, funzioni e servizi.

La sfida è particolarmente intrigante

in Italia il paese dei cento comuni, in realtà degli 8.092 comuni. 5.683 dei quali al di sotto dei cinquemila abitanti. Rappresentano ancora un’Italia “minore” per la popolazione che vi risiede (circa un sesto del totale), ma è quella che contribuisce al carattere inconfondibile del nostro Paese.

Con l'Unione europea

Se, da una parte, l'Unione europea da un paio di decenni promuove e finanzia lo sviluppo locale, dall'altra i risultati sono insoddisfacenti. Per l'incapacità delle Regioni di gestire il processo? In questa sezione cercheremo di capire cosa si può fare per incentivare l'efficacia degli investimenti e sviluppare una forte economia locale.