testata

La campagna Made in Italy

L'Agenzia nazionale per il turismo ha deciso di realizzare un'importante campagna promozionale dal titolo "Made in Italy. Una vacanza fatta su misura per te" per far riscoprire le bellezze inimitabili del nostro bel paese.
Una campagna strutturata in funzione dell'area geografica e che prevede molteplici canali: affissioni, inserzioni, web e cinema.

 

La campagna si rivolge all'europa e, più esattamente è concentrata su otto mercati europei: Germania, Austria, repubblica Ceca, Polonia, Francia, Scandinavia regno Unito e Russia. Questi paesi infatti rappresentano quasi il cinquanta per cento dei pernottamenti in Italia e proprio per questo saranno i destinatari dell'azione.
Allo stesso tempo però, la campagna vuole anche ricordare ai nostri connazionali che spendono 20 miliardi l'anno per andare all'estero che c'è "qualcosa" da vedere anche all'interno dei nostri confini.

 

Il messaggio è chiaro: promuovere la nostra bellezza (grande e piccola che sia), grazie al marchio "naturale" riconosciuto nel mondo: il made in Italy. In questo modo la promozione sarà capace di promuovere non solo l'indiscutibile patrimonio storico e culturale, ma anche la manifattura d'eccellenza italiana.
Otto, infatti, saranno le tipologie di patrimonio promosse: cultura e benessere, enogastronomia, mare e laghi, città d'arte, Expo2015, montagne e parchi, vacanza attiva, borghi e enograstronomia.

 

La campagna, ideata dall'agenzia di comunicazione Pomilio Blumm, spinge allora proprio sul made in Italy per la realizzazione di una connessione tra l'esperienza turistica da un alto e il prodotto manifatturiero dall'altro, attraverso un insieme di elementi concreti ed emotivi, luoghi, prodotti e simboli.

infine, la campagna di promozione è "aperta", perché sia i video che i vari strumenti pubblicitari seguono le regole del copyleft permettendo così alle Regioni e agli altri operatori di personalizzarla.

 

Fonti

"Made in Italy" una vacanza fatta su misura per te: al via la nuova campagna pubblicitaria dell'Agenzia nazionale del turismo.

Share

Sviluppo e identità locale

Potrebbe essere una delle sfide che la società moderna deve vincere per recuperare un equilibrio sostenibile nel suo sviluppo: ancorarlo al territorio riducendo il bisogno del trasferimento di merci, persone, funzioni e servizi.

La sfida è particolarmente intrigante

in Italia il paese dei cento comuni, in realtà degli 8.092 comuni. 5.683 dei quali al di sotto dei cinquemila abitanti. Rappresentano ancora un’Italia “minore” per la popolazione che vi risiede (circa un sesto del totale), ma è quella che contribuisce al carattere inconfondibile del nostro Paese.

Con l'Unione europea

Se, da una parte, l'Unione europea da un paio di decenni promuove e finanzia lo sviluppo locale, dall'altra i risultati sono insoddisfacenti. Per l'incapacità delle Regioni di gestire il processo? In questa sezione cercheremo di capire cosa si può fare per incentivare l'efficacia degli investimenti e sviluppare una forte economia locale.