testata

Seminare futuro in val Camonica

Bike tour, corsa non competitiva, visite guidate, prove libere di canoaattività ludico didattiche, laboratori per bambini, giochi didatticiponte tibetano, carrucola, orientamento, giornata del Caicanti popolaridegustazioni di prodotti tipici agroalimentari, gara ciclistica, mostra internazionaleTreno dei sapori, premiazioni, gare di Ciancole e canela”, concertiuscite didattichecamminata nel centro storico, mercato agricolo a chilometro zero, fiera di prodotti locali agroalimentari ed artigianalicori nei rifugimostra mercatoteatro delle erbe, inaugurazione di sentiero fluvialegara boater cross ad eliminazione, degustazioni enogastronomiche nei rifugi, escursionimanifestazione di nuotoesposizione di "bivacchi" d'alta montagna 2.0, mostra fotografica, concorso videoclip, attesa del solstizio d’estateoltre, ovviamente a incontri, dibattiti (i Venerdì di Robinson), convegni; possiamo dire, senza tema di smentita, che non ci siamo fatti mancare niente!

 

Visto così, come elenco, fa una certa impressione. Un mix, ricoo e ben calibrato, tra competizioni sportive, attività ad aria aperta, momenti di aggregazione, valorizzazione delle risorse locali e delle tradizioni, presentazione di tecnologie innovative e pause di riflessione e approfondimento.

Scorrerlo nel dettaglio, come faremo tra poco, se ci si immedesima negli organizzatori, fa venire i brividi.

 

La “Fiera della sostenibilità della natura alpina”

Si incominciano, infatti, a svelare i programmi della terza edizione della “Fiera della sostenibilità della natura alpina” che si terrà in varie località della valle Camonica durante l’intero mese di giugno 2014.

Una serie di appuntamenti per parlare di sostenibilità nelle Alpi e continuare il percorso intrapreso nella prima edizione del 2012, declinando questo termine secondo i tre parametri che la devono caratterizzare:

  • ambiente,
  • società,
  • economia.

 

“Sostenere” significa tenere qualcosa o qualcuno sollevati sopportandone il peso; ma significa anche rinforzare, aiutare, difendere e dare appoggio, accudire e nutrire.

Viceversa, “Consumare” significa ridurre al nulla e finire un bene con l’uso, logorare, dissipare, sfruttare.

Alla base delle esplorazioni organizzate dal Parco dell'Adamello e dai suoi partners vi saranno, anche quest’anno, gli elementi fondanti che ispirano il cammino verso una civiltà della sostenibilità.

 

“Seminare futuro”

Il 2014 è stato dichiarato dall’Assemblea generale delle Nazioni unite “anno internazionale dell'agricoltura familiare” (Iyff), pertanto il dibattito della terza edizione della Fiera della sostenibilità si ispirandosi anche a tale evento ed è intitolata “Seminare futuro”.

Il tema sarà anche un anticipo del dibattito che verrà affrontato da Expo2015. Infatti, il tema scelto per l’esposizione universale di Milano 2015 è “Nutrire il pianeta, Energia per la vita”.

 

Saranno chiamate in causa le tecnologie, l'innovazione, la cultura, le tradizioni e la creatività legati al settore agroalimentare e del cibo. Una tematica sempre più al centro dell’attenzione poiché vi è un crescendo di sensibilità verso la qualità del cibo, oltreché sulla quantità, in un mondo sempre più popolato (si calcola che nel 2050 gli abitanti della Terra da sfamare saranno 9 miliardi).

 

Tornando nella nostra valle Camonica la Fiera della sostenibilità nella sua terza edizione si sviluppa per tutto il mese di giugno con una concentrazione di appuntamenti tra il venerdì e il lunedì.

 

Vediamo, allora, nel dettaglio il programma (provvisorio) che la Comunità montana di valle Camonica, il parco dell’Adamello, ill Distretto culturale di valle Camonica e sapori di valle Camonica, hanno messo a punto.

 

Bike tour dell'Oglio

Sabato 31 maggio, domenica 1 giugno, lunedì 2 giugno

L’evento è promosso dall’accordo di cinque enti, Comunità montana valle Camonica, Parco dell'Adamello, Comunità montana del Sebino bresciano, Comunità montana dei laghi bergamaschi, Parco Oglio nord e Parco Oglio sud, oltre al supporto tecnico della Fiab, e avrà il compito di promuovere il percorso di 280 chilometri, che si snoda completamente lungo il fiume Oglio, dal Passo del Tonale sino al fiume Po.


La passeggiata, che coinvolgerà cinquanta cicloamatori, sarà il primo vero test per provare l'itinerario, che sarà poi ufficialmente aperto al pubblico e promosso turisticamente. Il gruppo di appassionati che partirà dai 1883 metri di quota del passo del Tonale, circondati dalle vette e dai ghiacciai del gruppo dell'Adamello, proseguirà tra i boschi e le aree agricole del fondovalle camuno, fino al lago d'Iseo.


Il primo giorno la manifestazione sarà arricchita da eventi che si svolgeranno a Ponte di Legno, Capo di Ponte e nel tratto tra Pisogne e Marone.
Il secondo giorno la pedalata proseguirà affiancando le colline della Franciacorta, poi sul tratto pianeggiante a cavallo tra le province di Brescia e Bergamo. Si attraverserà così il cuore del Parco Oglio nord, sino al comune di Quinzano (Bs), termine di questa tappa.
L'ultimo giorno si svolgerà tra le province di Brescia, Cremona e Mantova, nel territorio del Parco Oglio sud; la carovana giungerà sino al ponte di barche di san Michele delle chiaviche, un vero e proprio monumento nazionale, uno degli ultimi esempi di questa tipologia di manufatti ancora praticabili.

 

Prima tappa (venerdì 30 e sabato 31 maggio) a Ponte di legno presentazione dell’iniziativa (105 chilometri)

  • appuntamento alle otto presso la funivia di Ponte di legno e partenza in direzione Vello Toline (Marone) percorrendo tutto il territorio della valle Camonica
  • tappa intermedia presso il caseificio Cissva di Capo di Ponte (Bs) con presentazione e degustazione di prodotti “Sapori di Valle Camonica” a cura del Gal di vallecamonica e val di Scalve
  • arrivo, alle 17, lungo la Vello Toline. In questo meraviglioso tratto durante l’intero weekend sarà allestita una mostra mercato, dove protagonisti indiscussi saranno i prodotti tipici dei territori attraversati dall’Oglio e le prelibatezze delle terre della valle Camonica, del Sebino e della Franciacorta. Saranno presenti anche varie associazioni del territorio, per offrire le varie declinazioni della ricca offerta turistica di queste zone: artigianato, manufatti artistici e folklore, tra stand e shopping, che arricchirà i giorni del Bike Tour


Seconda tappa (domenica 1 giugno, 87 chilometri)

  • partenza alle ore 8.15 Marone – Quinzano; appuntamento alle ore 8.00 a Marone
  • partenza dalle 8.30 da Marone, abbandonate le rive del lago si percorre il tratto alto del fiume Oglio da Paratico a Quinzano d’Oglio (Bs). Importanti i valori storico-architettonici che si ritrovano nei comuni che si affacciano sul fiume.
  • tappa intermedia: prevista Prati verdi di Pontoglio (Bs) nel Parco regionale Oglio nord.
  • partenza alle 14.00 tra rive scoscese e boscose circondate da un territorio prettamente agricolo per giungere a Quinzano d’Oglio. Alloggio, cena e colazione alla Casa del Parco Oglio nord – Ostello Molino di basso torre Pallavicina (Bg).
  • arrivo previsto alle ore 17.00.


Terza tappa (lunedì 2 giugno, 90 chilometri)

  • partenza alle ore 8.30 da Quinzano - Ponte di barche di san Michele delle chiaviche;
  • tappa intermedia prevista alle ore 12.30 circa in località “Tezzoglio” nel comune di Bozzolo (Mn), nel parco regionale Oglio sud, proprio in riva la fiume nei pressi di un’antica cascina in cui sono state girate parti del film “Novecento” di Bernardo Bertolucci. Il momento del pranzo sarà allietato dall’attore Fausto Ronchi e dalle sue brillanti filastrocche.
  • Partenza alle ore 14.15 per Torre d’Oglio dove si prevede di giungere attorno alle 16.00 circa e presso cui si svolgerà il momento conclusivo del bike tour con i saluti da parte degli organizzatori.
  • Canti popolari del gruppo “I crauti” e un piccolo rinfresco.

Per informazioni dettagliate 

 

Vai alla seconda gara ciclistica

 

 

La strada della castagna e il giardino alpino Vivione

Lunedì 2 giugno  e sabato 7 giugno

A cura del Consorzio forestale e minerario valle Allione. Alle 9, Paisco Loveno.

Visita guidata gratuita alla Strada della castagna e al giardino botanico Vivione di Paisco Loveno, rivolta alle scuole e disponibile a seguito di prenotazione al numero telefonico: 328.22.78.539 (Cristian Donati).

 

 

L'orso a scuola!

Giovedì 5 giugno

a cura di Alternativa ambiente
Berzo Inferiore, scuola primaria dalle 9.30 alle 12.

Attività ludico didattica destinata alla presentazione del tema dell’orso rivolta alle classi terza, quarta e quinta. Nel corso della mattinata sarà presentato il gioco didattico “Arctogioco: un gioco, per conoscere l’orso” durante il quale le classi coinvolte si sfideranno (ci auguriamo, non alla caciia all'orso ;-)).

 

 

Esposizione del nuovo bivacco Giannantonj

Venerdì 6, sabato 7 e domenica 8 giugno

Berzo Demo, centrale Green power di Forno Allione
Venerdì dalle 17 alle 21.
Sabato e domenica dalle 10 alle 18.

 

In occasione della Fiera della sostenibilità nella natura alpina si esporrà per la prima volta il manufatto che poi troverà collocazione definitiva in sostituzione del vecchio bivacco Giannantonj a 3.167 metri presso il passo Salarno. Grazie alla collaborazione di Enel green power, sponsor dell’iniziativa, del Cai di Brescia e dei Cai valle Camonica Sebino, il manufatto verrà presentato in allestimento provvisorio presso la centrale idroelettrica Green power di Berzo Demo.


Tutto ebbe origine con la rassegna di arte pubblica “aperto_2012 art on the border” che, con il sostegno del Distretto culturale di valle Camonica e del Parco dell'Adamello, indisse il bando di concorso internazionale “Abitare minimo nelle Alpi” finalizzato alla progettazione di un bivacco d’alta quota, grazie al quale venne selezionata la migliore idea per la costruzione della nuova struttura.


Il progetto vincitore è opera dello studio di progettazione Lama+ di Roma che ha presentato un esemplare di bivacco autosufficiente, testimonianza concreta di una modalità sostenibile di fruizione dell’ambiente montano da parte di escursionisti, esploratori o semplici appassionati, riducendo ogni comfort superfluo, nel rispetto del contesto naturale e paesaggistico in cui si inserisce e attivando un comportamento ecologico da parte dell’utenza.

Questo alto livello di sostenibilità è garantito dalla struttura architettonica stessa e dai materiali high tech utilizzati per la sua realizzazione.

 

 

Mostra fotografica “Abitare minimo nelle Alpi”

Venerdì 6, sabato 7 e domenica 8 giugno

Esposizione della mostra fotografica “Abitare minimo nelle Alpi” (Aperto 2012)

Berzo Demo, centrale Green power di Forno Allione. Venerdì dalle 17 alle 21.
Sabato e domenica dalle 10 alle 18.

 

Vai alla seconda mostra fotografica

 

 

I Venerdì di Robinson

Venerdì 6 giugno

Alla scoperta dei territori inesplorati della valle Camonica
Incontri a cura del Distretto culturale di valle Camonica
Malonno, auditorium di Lava, ore 20.30

Caverne e miniere di valle Camonica: progetti e percorsi di valorizzazione

Intervengono: Fondazione Musil, associazione “Ad metalla”, Consorzio forestale valle dell’Allione, Cai Lovere e valle Camonica.


Il confronto con le esperienze delle valli vicine e dell’arco alpino.

«Scopersi con ineffabile gioia una caverna sotterranea, scavata dalla natura, estesissima, e dentro la quale, oso affermarlo, non avrebbe avuto il coraggio di avventurarsi verun selvaggio che fosse venuto alla bocca di essa, nè da vero verun altr’uomo fuor di chi avesse avuto necessità, come me, di procurarsi un luogo sicuro di ritirata»
Tratto dalle “Avventure di Robinson Crusoe” di Daniel Defoe (1719), nella traduzione di Gaetano Barbieri (1842).

 

 vai al secondo Venerdì di Robinson

 

 

Comunità di valle Camonica

Sabato 7 giugno, convegno

Comunità di Valle Camonica; 850 anni di indipendenza e identità. Il futuro?

Auditorium Giacomo Mazzoli, comunità montana di valle Camonica, Breno, ore 17.30

 

Nell’anno 1164 Federico I Hohenstaufen detto “il Barbarossa”, imperatore del Sacro romano impero, riconobbe l’antica comunità di valle Camonica quale entità giuridica autonoma, non sottoposta a nessun potere politico, salvo quello imperiale.
D’altra parte l’Imperatore riconosceva un diritto di autonomia che la valle aveva acquisito oltre 1.000 anni prima quando, già dalla prima metà del primo secolo dopo Cristo, in età Flavia,  era stata riconosciuta da Roma come “Res Publica Camunnorum”, a testimonianza dell’autonomia politica e amministrativa già raggiunta solo pochi decenni dopo la conquista romana (16 dC).

 

L’autonomia venne riconosciuta anche da Venezia con la quale la valle, nel 1428 venne riconosciuta “terra separata”, ovvero pur facente parte della Repubblica Serenissima, autonoma nella gestione dei propri territori e governata da un proprio Podestà.


Solo nel 1796, Napoleone prima e dopo di lui l’Impero austro ungarico e il regno d’Italia, negarono l’autonomia di valle.
Si dovrà attendere il 1974 perché, grazie ancora all’azione di un camuno d’eccezione, il senatore Giacomo Mazzoli, la valle Camonica con l’approvazione del primo Statuto, possa riappropriarsi di una propria autonomia formale.


L’estrema sintesi storica appena richiamata non rende conto delle volontà, delle passioni, delle lotte e delle fatiche che hanno dato prestigio e forza alla Valle nel corso dei secoli nei quali si è sviluppata la sua autonomia, come pure dell’emarginazione sociale ed economica subita durante i periodi di governo centralistico.

 

Riflettere sulla propria storia aiuta a pensare al futuro con maggiore orgoglio e a scegliere con maggiore saggezza. Questo vogliamo fare.

Saluti istituzionali

Bernardo Mascherpa, presidente della comunità montana di valle Camonica

Presiede e conduce i lavori

Annibale Salsa, storico e antropologo, comunità trentina delle Giudicarie

Presentazione

Marino Bernardi, direttore generale Comunità montana di valle Camonica

Il senatore Giacomo Mazzoli, storico e politico, relatore della prima legge repubblicana sulle comunità montane” a cura di Francesco Maria Mazzoli

 

Sono stati invitati tutti i presidenti della Comunità montana di valle Camonica

Pietro Avanzini (1974-1980);
Arturo Minelli (1981-1986);
Enrico Tarsia (1986-1991);
Alessandro Bonomelli (1991-1995 e 2004-2009);
Pierluigi Mottinelli (1995-2001);
Gianpiero De Toni (2001-2004);
Corrado Tomasi (2009-2013);


Simone Signaroli e Pamela Viola
Presentazione del progetto “La formazione delle comunità montane nella Repubblica Italiana: il caso valle Camonica”.

 

Vai al secondo convegno

 

 

Prove libere di canoa

Sabato 7 giugno

a cura del Canoa club Brescia
Fiume Oglio nei pressi del ponte di Montecchio (Darfo Boario terme). Dalle ore 14.

 

Una giornata finalizzata ad avvicinare i più piccoli al fiume Oglio e alla pratica del canottaggio grazie agli istruttori qualificati del Canoa club Brescia. Uno sport ancora poco noto in valle Camonica che consente di vivere in modo nuovo e scoprire scorci inaspettati del nostro fiume.

 

 

Usi tradizionali delle erbe officinali

Sabato 7 giugno

Uscita didattica finalizzata alla conoscenza degli usi tradizionali delle erbe officinali selvatiche e di quelle coltivate negli orti della valle.
“Vecchio mulino” in località Dos Merlì a Saviore dell’Adamello. Dalle 14.

Partenza (alle 14) dal “Vecchio mulino” in località Dos Merlì a Saviore dell’Adamello.

 

Nel corso del pomeriggio si terrà una rappresentazione del “Teatro delle erbe” con testi dedicati alla storia del rapporto dei montanari con le essenze che, nel corso dei secoli, hanno costituito la principale forma di cura e prevenzione delle malattie per persone e animali.
Le attività sono organizzate dall’associazione Amici della natura di Saviore dell’Adamello.

 

 

Cantarifugi

Domenica 8 giugno

Rifugio Loa, Berzo Demo. Dalle 14.

I cori nei rifugi di montagna, il Coro san Valentino

L’iniziativa è parte della rassegna “Tradizioni e sapori in rifugio” organizzata da Assorifugi di Lombardia

 

Vai al secondo Cantarifugi

 

 

Boater Cross

Domenica 8 giugno

Secondo trofeo alte gole dell’Oglio, a cura del Canoa club Brescia
Fiume Oglio, Cedegolo. Dalle 14 alle 18.

Ritrovo presso il Musil di Cedegolo, apertura iscrizioni (gratuite) e consegna pettorali.

 

Gara di canoa nel tratto di fiume Oglio antistante l’abitato di Cedegolo. Un modo di riscoprire e vivere il fiume ancora poco noto in valle Camonica.
Alle 14.30 inizio gara boater cross ad eliminazione (percorso di terzo grado WW, canoe in plastica lunghezza max 2,8 metri).
A seguire premiazioni ed estrazione finale dei pettorali con ricchi prodotti enogastronomici.

 

 

Morolake swim challenge 2014

Domenica 8 giugno

Prima edizione Morolake swim challenge 2014 
manifestazione di nuoto organizzata da Federico Troletti team Asd.

Angolo terme, Darfo Boario terme, presso il lago Moro, Capo di lago. Dalle 10.30.

 

Due percorsi di 1,7 e 3,3 chilometri da compiersi nelle acque libere del lago Moro. Un percorso brevissimo per gli amanti della velocità e al tempo stesso una distanza più abbordabile per i neofiti di questo sport.
Per accontentare anche i più impavidi anche un bel 3,300 oltre alla possibilità di partecipare ad entrambe nella combinata 5.0.
Per iscrizioni (aperte fino al 18 maggio) e maggiori informazioni.

 

 

La lavorazione del latte in malga

Domenica 8 giugno

Laboratorio per bambini
a cura dell’Associazione uomo e territorio pro natura presso il centro faunistico del Parco dell’Adamello di Paspardo. Alle 14.30.

 

Scopo del laboratorio è quello di mostrare ai bambini come il latte, alimento completo, si trasforma magicamente in formaggio. Esperti animatori condurranno i bambini in un viaggio nella millenaria arte della caseificazione.

Le attività si svolgono presso il centro faunistico del Parco dell’Adamello, località Fles, Paspardo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. : 392.92.76.538

 

Vai al secondo laboratorio per bambini

 

 

Corri nel borgo

Venerdì 13 giugno

Corsa non competitiva e a seguire camminata nel centro storico
A cura della Kinetik con il patrocinio del Comune di Bienno, centro storico di Bienno. Dalle 18.30.


18.30: ritrovo e iscrizioni
19.30: Mini run nel centro storico per i più piccoli e gli alunni delle scuole elementari
20.30: Corsa non competitiva nel centro storico

 

A seguire camminata nel centro storico alla scoperta del patrimonio culturale e dei mestieri degli artisti presenti sul percorso.
21.30 Premiazione
21.45 Concerto “I Luf”

Per maggiori informazioni (035.96.72.14) e iscrizioni

 

 

I Venerdì di Robinson

Venerdì 13 giugno

Alla scoperta dei territori inesplorati della Valle Camonica
Incontri a cura del Distretto culturale di valle Camonica
Bienno, Casa degli artisti, alle 20.30

La fame e la gola: progetti sul cibo e la ristorazione della Valle Camonica.

Intervengono: i responsabili, i collaboratori, e ricercatori, gli artisti impegnati nei progetti:

  • Come si parla di alimentazione. Chiedilo al Museo!;
  • aperto_ 2014;
  • il Segnaposto.

Il confronto con i produttori e i ristoratori della valle Camonica.

 

Dopo avergli fatto gustare il lesso ed il brodo volli il dì appresso regalarlo di un arrosto di capretto, al qual fine ne attaccai un quarto ad una funicella sospesa sul focolare, come ho veduto fare al popolo presso diverse nazioni europee, piantando due pali in piedi, uno a ciascun lato del fuoco ed uno per traverso appoggiato su la cima di essi. Dal trave orizzontale pendea la carne che si facea volgere per tutti i versi: ingegno che Venerdì ammirò assaissimo. Ma ben più ammirò l’arrosto quando fu ad assaggiarlo perché, per esprimermi come gli solleticasse il palato, fece tanti gesti e discorsi alla sua maniera che non arrivai a capirne uno. Finalmente potei capirlo a discrezione, e ne fui soddisfattissimo. Quel che volea soprattutto farmi comprendere, era, che d’allora in poi la carne umana non gli avrebbe fatto gola menomamente
Tratto dalle “Avventure di Robinson Crusoe” di Daniel Defoe (1719), nella traduzione di Gaetano Barbieri (1842)

 

vai al terzo Venerdi di Robinson

 

 

Fiera dei sapori e di segno artigiano della valle Camonica

Sabato 14, domenica 15 giugno

Centro storico di Berzo inferiore. Dalle 14.

 

Nell’ambito della seconda edizione di F.a.r.e. Berzo. tra cultura, sapori, emozioni (folklore, arte, ricerca, espressioni creative), si prevedono due giornate caratterizzate dalla presenza di numerosi artigiani e produttori locali che esporranno per le vie e nelle contrade e dall’apertura straordinaria di musei e chiese con possibilità di visite guidate.

 

Nel pomeriggio, presso lo stand allestito vicino alla chiesa parrocchiale saranno organizzate degustazioni di prodotti tipici agroalimentari e, nella serata del sabato, sarà operativo il servizio ristorazione con menù degustazione abbinati ai vini Igt del territorio il tutto curato del Gruppo ristoratori valle Camonica.

 

In occasione della “Fiera dei sapori e di segno artigiano della valle Camonica giungerà domenica 15 giugno, il Treno dei sapori che nel corso dell’estate percorrerà in sei occasioni il nostro territorio, offrendo ai visitatori menù stagionali cucinati con prodotti tipici accompagnati da vini Igt di Valle Camonica e serviti da sommelier certificati.

 

L’itinerario Fiera dei sapori e di segno artigiano della valle Camonica porterà il visitatore alla scoperta di due tra i più famosi artisti della Valle Camonica:

  • Romanino
  • e Pietro da Cemmo

e, a seguire, di Berzo inferiore presso cui sarà allestita una fiera di prodotti locali agroalimentari ed artigianali promossa e curata dal Comune unitamente a “Sapori di valle Camonica”.

 

 

Il fiume Oglio: il cuore della valle Camonica

Sabato 14 giugno
Aula magna della scuola primaria di Braone. Alle 9.30.

Nell’anno 2010 la Regione Lombardia ha istituito la Rete ecologica regionale (Rer) riconosciuta dal Piano territoriale regionale come infrastruttura prioritaria e strumento di indirizzo per l’intera pianificazione regionale e locale.
In tale ambito il fiume Oglio è stato riconosciuto quale componente prioritario della Rete ecologica regionale che pertanto costituisce strumento fondamentale per la pianificazione locale.


Nel corso degli anni 2012 e 2013 sono stati predisposti dalla Comunità montana, dal Parco Adamello e dal Gal, due progetti finalizzati al “Miglioramento delle condizioni ecologiche, paesaggistiche e idromorfologiche del fiume Oglio”, il primo nel tratto tra Edolo e Breno ed il secondo nel tratto tra Breno e Darfo Boario terme.

 

Entrambi i progetti sono stati cofinanziati dalla Fondazione Cariplo e sono finalizzati ad una serie di azioni delle quali i tre momenti della giornata di oggi sono parte.

 

9,30

Saluti delle autorità
Gabriele Prandinisindaco di Braone e assessore al Parco Adamello, 
Sonia Cantoniconsigliere con delega all’Ambiente della Fondazione Cariplo e Presidente del Comitato scientifico della Fiera della sostenibilità nella natura alpina, 
Bernardo Mascherpa, presidente della Comunità montana di valle Camonica, 
Walter Sala, presidente del Gal valle Camonica val di Scalve, 

 

10,00

Presentazione dei progetti di “Miglioramento delle condizioni ecologiche, paesaggistiche e idromorfologiche del fiume Oglio
Dario Furlanetto, direttore Parco Adamello

 

10,20

Presentazione del testo “Il fiume Oglio e i corsi d’acqua in Valcamonica
Mario Martini, autore del testo, un excursus storico sul fiume Oglio e i suoi abitanti dell’ultimo secolo.

 

11,00

Esposizione della mostra fotografica sul fiume Oglio “Panta rhei hos potamos, Tutto scorre lungo il fiume
Esposizione dedicata al fiume Oglio curata dal fotografo camuno Graziano Filippini.
La raccolta di immagini è frutto di un lavoro di anni che il fotografo ha svolto per pura passione nell’alveo del fiume raccogliendo paesaggi, particolari e segni lasciati dalla natura e dallo scorrere dell’acqua.

 

11,20

Inaugurazione del primo tratto di sentiero fluviale dell’Oglio tra Braone e Niardo,  con descrizione degli habitat, dei luoghi attraversati e delle specie animali e vegetali incontrate lungo il percorso a cura dei tecnici del Parco Adamello, Pietro Bolis, Alessandro Ducoli e Anna Bonettini.

Vai all'inaugurazione dell'impianto di fitodepurazione

 

13,00

Arrivo a Niardo con possibilità di rientro a Braone con mezzi messi a disposizione dai Comuni e dalla Comunità montana.

 

 

Gran fondo Mtb

Domenica 15 giugno

Gran fondo Mtb “Enjoy Altopiano del sole”. Lozio, Ossimo, Borno. Alle 9.30.

 

Ultima tappa del circuito nazionale “Easy cup Mtb” valida come prova unica del Campionato italiano granfondo Mtb Acsi. Una gara che si svolge lungo percorsi sterrati, strade forestali e sentieri del’Altopiano del Sole nei Comuni di Borno, Ossimo e Lozio.

 

Lunghe salite portano a toccare dei posti meravigliosi come il lago di Lova, colle Mignone ed i monti di Cerveno. L' intero percorso è su sterrato, strade forestali e single-track, un mix di sentieri che offrirà un piacere di guida davvero unico.

Tanti tratti nel cuore di enormi pinete o favolosi passaggi sui magici sentieri della "resistenza" lasceranno a bocca aperta i bikers.

Si parte alle 9.30. Lunghezza: 48 km. Dislivello: 1.600 metri 
Iscrizioni e dettagli.

 

Vai alla terza competizione ciclistica

 

 

Giornata Club alpino italiano

Domenica 15 giugno

18mo radunoValle Camonica Sebino, rifugio Lissone, Saviore dell’Adamello.

 

In quest’occasione saranno presenti tutte le otto sezioni Cai della valle Camonica e Sebino, una grande occasione d’incontro e festa per appassionati e giovani alpinisti che, fin dal primo raduno, tenutosi in occasione dello “Scherpa rally” al rifugio Torsoleto, hanno iniziato a dialogare e collaborare fra sezioni e sottosezioni camuno sebine dando corpo ad un’unica rete di appassionati e cultori della montagna.


Da quel momento in poi la realtà Cai della valle è decisamente cambiata, migliorata in quanto sono aumentati i rapporti di collaborazione favorendo uno scambio reciproco di esperienze organizzative, gestionali e tecniche.

Il lavoro di squadra, ha avuto anche come effetto la pubblicazione della rivista “Tracce”, dall'inizio del 2000, che riporta le esperienze sezionali, tematiche ambientali e storico culturali e che viene diffusa in tutta la valle Camonica.

 

Nel 2006 si è dato vita alla conferenza stabile dei Cai Vallecamonica e Sebino, una voce unica e condivisa sui tanti temi in cui il sodalizio camuno è impegnato per tutelare e vivere con sensibilità ed in modo sostenibile le nostre montagne.

 

Programma della giornata

Ritrovo presso la malga Lincino alle 8. Trasferimento al rifugio Lissone e mattinata dedicata ai ragazzi dell’alpinismo giovanile con attività ludiche: ponte tibetano, carrucola, orientamento.

12.00

santa messa in ricordo di Elena del CAI di Darfo e Camuno - Sebino

13.00

Pranzo e a seguire tempo a disposizione per le attività ludiche

17.00

rientro

Ad ogni partecipante iscritto, il Cai offrirà il pranzo ed un gadget a ricordo della giornata.

 

 

I Venerdì di Robinson

Venerdì 20 giugno

Edolo, auditorium “L. Chiesa” presso la Biblioteca civica. Alle 20.3.

Alla scoperta dei territori inesplorati della valle Camonica

Incontri a cura del Distretto culturale di valle Camonica

Abitare minimo nelle Alpi: architetture, bivacchi, rifugi, cantieri d’alta quota

 

Intervengono

progettisti, ricercatori, giornalisti impegnati nella promozione della cultura della montagna.

 

Viene presentata, la mostra internazionale “Cantieri d’alta quota”, che si arricchisce di una sezione sulle montagne camune. La mostra sarà esposta presso la sala del Palazzo delle Scuole Elementari di Edolo (Viale Derna).

«Il povero Venerdì si trovò sgomentato da vero quando vide i monti tutti coperti di neve e sentì assai bene il rigore del freddo: egli che non aveva mai veduto neve, nè patito freddo in sua vita. Non vi dirò altro, se non che quando fummo a Pamplona continuava a nevicare con tanta violenza e sì incessantemente, che quegli abitanti ne dicevano esser venuto il verno prima del tempo; quelle strade, perverse sempre, erano divenute allora impraticabili affatto»
Tratto dalle “Avventure di Robinson Crusoe” di Daniel Defoe (1719), nella traduzione di Gaetano Barbieri (1842).

 

vai al quarto Venerdì di Robinson

 

 

Alba nella cripta di san Glisente

Venerdì 20 giugno

Alba nella cripta di San Glisente
in attesa del raggio di sole del solstizio d’estate

Berzo Inferiore, chiesa san Glisente. Dalle ore 16.

Dalle 16 salita al bivacco, ospiti degli Amici di san Glisente, a piedi o per mezzo di navetta messa a disposizione dal Comune di Berzo inferiore e dalla Comunità montana di valle Camonica, in attesa del primo raggio di sole del solstizio d’estate.
Alle 6.01 il Sole sorge nel punto più settentrionale, ed i suoi raggi si allineano perfettamente con la monofora posta sul versante est della cripta della chiesa.

Per la permanenza al bivacco e l’eventuale cena, è necessaria la prenotazione al numero 0364-40100 (Comune di Berzo Inferiore)

 

 

“Uomini e orsi”

Sabato 21 giugno

Convegno, chiesa di san Lorenzo, Berzo inferiore. Dalle 15 alle 18.

 

Fin dal Paleolitico superiore il rapporto uomo-orso è testimoniato in varie raffigurazioni e in epoche successive, le vicende umane e ursine si sono intrecciate in dipinti, racconti, sculture, musiche, riti pagani e culti sacri.

L'orso, creatura di grande forza e ineguagliabile coraggio, signore della vita misteriosa che alberga nella foresta, influenzò da sempre l'immaginazione dell'uomo, già a partire dall’infanzia (chi non ha avuto in dono un orsetto?).

 

Nei confronti dell’orso alla società odierna si impone un imperativo di onestà intellettuale: il dibattito non può essere tra presenza o assenza dell’orso nelle nostre montagne, per il semplice fatto che l’orso è un patrimonio culturale inscindibile dalla storia dell’uomo, che con l’orso si è evoluto e con l’orso ha sempre convissuto, nel bene e nel male.


Partendo da questa reciproca appartenenza è ora necessario trovare i modi della possibile convivenza, in un’ottica equilibrata ed onesta di conservazione della natura e gestione del territorio alpino, ma anche di ripresa e rilettura dei valori religiosi, storici e artistici che ci legano al plantigrado.


Saluti istituzionali

Ruggero Bontempi, sindaco di Berzo inferiore ed assessore all’agricoltura della Comunità montana di valle Camonica
Gabriele Prandini, assessore al Parco Adamello della Comunità montana di valle Camonica

 

Presiede e conduce i lavori

Ing. arch. Pietro Castelnovi


Sono previsti interventi di (titoli provvisori):

Pietro Castelnovi, “Introduzione sul luogo del convegno: i dipinti murari della leggenda di san Glisente, novità sull'attribuzione al Maestro di Berzo inferiore
Michela Zucca, antropologa ed esperta di cultura della montagna, “Il mito dell’orso tra paganesimo e sacralità
Roberto Franchini, antropologo ed autore del libro “Il secolo dell’orso”
Roberto Zanoetti, direttore del parco naturale Adamello-Brenta, Presentazione del libro “Dal rapporto con l’uomo alle strategie di svernamento: le ultime ricerche del Parco Naturale Adamello Brenta per l’orso

 

Per la cena saranno disponibili, nei ristoranti del paese, menù tradizionali a prezzi convenzionati.

 

Vai al terzo convegno

 

 

Serata musicale ad opera del “Quartetto d’archi Bazzini”

Sabato 21 giugno

Berzo Inferiore, Santuario di Santa Maria Nascente. Alle 21.

Lino Megni (violino), Daniela Sangalli (violino), Marta Pizio (viola), Fausto Solci (violoncello).

 

Eclettico quartetto d'archi intitolato al musicista e compositore bresciano Antonio Bazzini, nato nel 2010 da giovani musicisti diplomati al conservatorio “Luca Marenzio” di Brescia, con l'intento di riscoprire un repertorio raro e ingiustamente dimenticato.

 

Eseguiranno musiche di:

  • Franz Joseph Haydn ( 1732 - 1809)
  • e del compositore bresciano Antonio Bazzini (1818 - 1897).

 

 

Voci dalle trincee

Sabato 21 giugno

Rifugio Premassone, Val Malga, Sonico. Alle 16.

… pensieri, affetti e speranze tratte dagli scritti sui fronti della prima guerra mondiale

 

L’iniziativa è parte della rassegna “Tradizioni e sapori in rifugio” organizzata da Assorifugi di Lombardia

 

 

“Questo l’ho fatto io”

Sabato 21 e domenica 22 giugno

Questo l’ho fatto io. La memoria delle cose di casa nostra

A cura del Gruppo guardie ecologiche volontarie del parco Adamello, Comuni di Darfo Boario, Angolo terme e Parco del lago Moro. Presso il lago Moro, Angolo terme e Darfo Boario terme. Dalle ore 14.

 

Laboratorio didattico all’aperto rivolto alle nuove generazioni e agli adulti, finalizzato alla scoperta delle più antiche e tradizionali attività ludiche e all’insegnamento di antiche pratiche.

 

Si giocherà a “Ciancole e canela” una gara di forza, occhio e precisione durante la quale si deve battere con una tavolozza rettangolare un pezzo di legno affusolato alle due estremità e vince colui che lancia il pezzo più lontano e si impareranno la tecnica del caricare la legna sul dorso di un asino, del maneggiare una “ransa” oppure conoscere usi e forme dei vecchi gerli per il trasporto del fieno.

 

Il laboratorio, volutamente compiuto all’aperto per la mancanza di limiti architettonici che potrebbero impedire lo svolgimento dell’attività ludico educative, si caratterizzerà per la scoperta di queste e molte altre pratiche che saranno insegnate e presentate nel corso dei pomeriggi di sabato e domenica presso il lago Moro da Nino Ducoli con il supporto organizzativo delle Guardie ecologiche volontarie del parco dell’Adamello.

 

Vai al secondo laboratorio didattico all'aperto

 

 

Festival delle Alpi: serata della e per la montagna

Sabato 21 giugno
piazza Falcone e Borsellino, Esine, dalle 20.

Quarto festival delle Alpi: serata della e per la montagna”, a cura del Comune di Esine, Gruppo Ana di Esine, associazione Lupi di san Glisente.

 

Una serata dedicata alla montagna ed ai suoi protagonisti. La finalità dell’evento è quella di far conoscere le Alpi, in particolare l’area Vasta Valgrigna, un territorio protetto caratterizzato da un paesaggio tipicamente di media e alta montagna, con boschi alternati da ampie radure a pascolo che fanno da cornice a numerosi alpeggi.


Altri protagonisti saranno i “Lupi di san Glisente”, un’associazione nata nel 1987 da un gruppo di amici con la passione comune della montagna e tutto ciò che essa porta con sé: lo spirito di gruppo, la voglia di esplorare luoghi nuovi, le emozioni, il divertimento, la sensibilità ambientale. Dopo 27 anni di vita e molte esperienze vissute, il gruppo di sostenitori si è notevolmente ampliato, pur mantenendo immutato lo spirito e le motivazioni iniziali.

 

Attività

  • Esposizione “Lupi in mostra” dedicata all’ avventura ecologico ambientale del gruppo “Lupi di san Glisente”
  • Lettura da “Bote di Valgrigna” (edizioni Ersaf)
  • Mercato agricolo a chiometro zero a cura delle aziende casearie del paese
  • “Canzoni della montagna” a cura del Coro Ana di valle Camonica

 

 

Fitodepurazione nelle terre alte

Convegno “Fitodepurazione nelle terre alte: dalla Casa del Parco di Cevo al rifugio Tonolini”. Casa del Parco di Cevo. Dalle 10 alle 13.

 

La fitodepurazione è un naturale processo che avviene nelle aree umide naturali dove, ad opera di organismi animali e vegetali presenti nel suolo e nelle acque, si attuano meccanismi di depurazione attraverso processi fisici, chimici e biologici (filtrazione, assorbimento, assimilazione da parte degli organismi vegetali e degradazione batterica).
Quindi, l’impiego dei sistemi naturali di fitodepurazione, indotti dall’uomo in impianti appositamente costruiti, si basa sulle dinamiche relative alla capacità autodepurativa degli ambienti umidi naturali.


Alla Casa del Parco di Cevo, nel corso del 2013, è stato realizzato un impianto di fitodepurazione, allo stesso modo, nel corso del 2013, sono stati effettuati e si sono conclusi i lavori per la realizzazione dell’impianto del rifugio Tonolini.

 

L’opera, unica nelle Alpi a tale quota (2.500 metri), potrebbe diventare un progetto guida per utilizzare la medesima tecnologia su altri rifugi alpini, così da migliorare la qualità delle acque reflue provenienti dagli stessi e l’impatto dell’uomo sull’ambiente naturale.

 

Saluti istituzionali

Silvio Citroni, sindaco di Cevo

Gabriele Prandini, assessore all'ambiente della Comunità montana di valle Camonica

Moderatore

Dario Furlanetto, direttore Parco dell’Adamello

Intervengono

Cesare Puzzi, studio Graia, Varese,

La fitodepurazione: uno strumento naturale per depurare le acque in modo sostenibile”.

Massimo Sartorelli, studio Graia, Varese, progettista dell’impianto al Rifugio Tonolini, “Fitodepurazione: impianti diversi per due luoghi diversi”.

Gabriele Boccasile, Regione Lombardia,

La fitodepurazione in Lombardia al servizio dell’agricoltura

 

Vai al quarto convegno

Vai all'inaugurazione dell'impianto di fitodepurazione

 

 

Degustazioni enogastronomiche nei rifugi

Domenica 22 giugno

Vini Igt di valle Camonica
Rifugio Premassone, val Malga, Sonico, alle 11.

L’iniziativa è parte della rassegna “Tradizioni e sapori in rifugio” organizzata da Assorifugi di Lombardia

 

Escursione al bivacco Marino Bassi

Domenica 22 giugno

Quarto festival delle Alpi: escursione al bivacco Marino Bassi
A cura dei “Lupi di san Glisente”, Esine, Bivacco Marino Bassi, partenza alle 7, alle 11 santa messa alle12 pranzo alpino

Nel pomeriggio tempo a disposizione per attività ludiche per ragazzi allietati dalle musiche della montagna.

Nel tardo pomeriggio partenza per il rientro.

 

I “Lupi di san Glisente” è un’associazione nata nel 1987 da un gruppo di amici con la passione comune della montagna e tutto ciò che essa porta con sé: lo spirito di gruppo, la voglia di esplorare luoghi nuovi, le emozioni, il divertimento, la sensibilità ambientale. Dopo 27 anni di vita e molte esperienze vissute, il gruppo di sostenitori si è notevolmente ampliato, pur mantenendo immutato lo spirito e le motivazioni iniziali.

 

Vai al terzo laboratorio didattico all'aperto

 

La lana: antiche lavorazioni e nuovi progetti

Domenica 22 giugno

Laboratorio per bambini, a cura dell’Associazione uomo e territorio pro natura presso il centro faunistico del Parco dell’Adamello località Fles, Paspardo. Alle 14.30.

 

Esperti animatori condurranno i bambini in un viaggio nella millenaria storia della lavorazione della lana. La lana, un tempo ricchezza dei popoli contadini, come si produceva? Come si lavorava? Come veniva impiegata? E nell’era moderna quali potranno esserne gli utilizzi?

 

Info: 392.92.76.538

 

I Venerdì di Robinson

Venerdì 27 giugno

Alla scoperta dei territori inesplorati della Valle Camonica. Incontri a cura del Distretto culturale di valle Camonica. Breno, Palazzo della cultura, alle 20.30

Il paesaggio dei maggenghi: presentazione della nuova guida ai percorsi di media quota in Valle Camonica
Intervengono: i responsabili e i ricercatori impegnati nel progetto. Viene presentato il nuovo Archivio Digitale della Valle Camonica, con video e testimonianze inedite di eventi e storie di montagna.

«Mi trovai intrigato per la mancanza di una falce o falciuola; pur me ne feci una alla meglio di una vecchia spaduccia salvata in mezzo ad altre armi dal naufragio del vascello. Ma siccome in sostanza poi si trattava del ricolto di un campo non grandissimo, la mia mietitura non mi diede grande difficoltà; la feci come potei, non tagliando via se non le spighe che mi portai a casa entro un grande canestro fabbricato da me e che sgranai a mano. In fin del conto trovai che il mio mezzo quarto di semenza m’avea dato due moggia di riso, e più di due e mezzo di orzo, sempre secondo un computo di congettura, perchè misure io non ne aveva».
Tratto dalle “Avventure di Robinson Crusoe” di Daniel Defoe (1719), nella traduzione di Gaetano Barbieri (1842).

 

Premio videoclip “Seminare futuro”

Venerdì 27 giugno
Auditorium Giacomo Mazzoli, comunità montana di valle Camonica, Breno. Alle 21

Premiazione vincitori videoclip “Seminare Futuro”

Il Parco dell’Adamello in collaborazione con il Distretto culturale e sapori di valle Camonica, indice il “Premio videoclip Seminare Futuro”.  


Le esplorazioni da approfondire attraverso l’occhio della macchina da presa chiamano in causa le tecnologie, l’innovazione, la cultura, le tradizioni e la creatività legati soprattutto al settore agroalimentare e del cibo ma non solo.


La partecipazione al premio videoclip “Seminare futuro” è stata volutamente e gratuitamente aperta a tutti, singoli cittadini, dilettanti e professionisti, di qualsiasi nazionalità. Sono state ammesse opere realizzate dopo il 1 gennaio 2012 e girate in ogni parte del mondo, sebbene si sia dedicata una sezione speciale dedicata alla valle Camonica.

 

Sono state ammesse due categorie di elaborati:

  • cortometraggi della durata massima di 6 minuti;
  • spot della durata massima di 60 secondi.

 

Queste opere sono state valutate da una giuria di qualità presieduta dal regista Luigi Pane titolare dello studio di produzione Abstract Groove di Milano e pubblicate sui canali social network Facebook e Youtube del Parco dell'Adamello.

 

Il montepremi … è costituito da buoni acquisto di prodotti tipici camuni (artigianato ed enogastronomia) spendibili presso il “Mercato dei sapori” di Esine.
 
Il termine per la consegna dei video è stato fissato alle ore 12 di venerdì 30 maggio 2014
Dettagli e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

 

Cantarifugi

Venerdì 27 giugno

Rifugio Premassone, Val Malga, Sonico, alle 18.

I cori nei rifugi di montagna. Coro Ana Valcamonica
L’iniziativa è parte della rassegna “Tradizioni e sapori in rifugio” organizzata da Assorifugi di Lombardia.

 

“Questo l’ho fatto io”

Sabato 28 e domenica 29 giugno

Questo l’ho fatto io. La memoria delle cose di casa nostra”

A cura del Gruppo guardie ecologiche volontarie del parco Adamello, Comuni di Darfo Boario, Angolo terme e Parco del lago Moro. Presso il lago Moro, Angolo terme e Darfo Boario terme. Dalle ore 14.

 

Laboratorio didattico all’aperto rivolto alle nuove generazioni e agli adulti, finalizzato alla scoperta delle più antiche e tradizionali attività ludiche e all’insegnamento di antiche pratiche.

 

Si giocherà a “Ciancole e canela” una gara di forza, occhio e precisione durante la quale si deve battere con una tavolozza rettangolare un pezzo di legno affusolato alle due estremità e vince colui che lancia il pezzo più lontano e si impareranno la tecnica del caricare la legna sul dorso di un asino, del maneggiare una “ransa” oppure conoscere usi e forme dei vecchi gerli per il trasporto del fieno.

 

Il laboratorio, volutamente compiuto all’aperto per la mancanza di limiti architettonici che potrebbero impedire lo svolgimento dell’attività ludico educative, si caratterizzerà per la scoperta di queste e molte altre pratiche che saranno insegnate e presentate nel corso dei pomeriggi di sabato e domenica presso il lago Moro da Nino Ducoli con il supporto organizzativo delle Guardie ecologiche volontarie del parco dell’Adamello.

 

Quinoa: coltivare agrobiodiversità

Sabato 28 giugno

Convegno “Quinoa: coltivare agrobiodiversità tra modernità e saperi tradizionali

Paspardo, centro polivalente di piazzale Marcolini. Alle 16,30.

 

140504 quinoaLa Quinoa (Chenopodium quinoa willd), lontana parente del Chenopodium bonus Enricus (il nostro spinacio alpino o ‘Perùc’) appartiene alla famiglia delle Amarantaceae ed è coltivata principalmente per il valore commestibile dei suoi semi.


Originaria del lago Titicaca in Peru e Bolivia, è una pianta molto versatile poiché si adatta ad una ampia varietà di latitudini, altitudini e precipitazioni.
Basti pensare che in Sud America, viene coltivata dal livello del mare fino a 4mila metri, in zone con un range di precipitazioni annuali che va dai 150 ai 2.800 mm.


La possibilità di usare il vegetale per produrre farine e da queste pane e pasta, oltre a molti altri usi in cucina, e la sua alta digeribilità e ricchezza di proteine, ne stanno decretando il successo su scala planetaria, anche come valido sostituto ai cereali, venendo incontro ad alcune esigenze alimentari dovute, ad esempio, all’espandersi di alcune allergie come la celiachia.


Iniziare un percorso di ricerca e validazione della coltivazione anche alle nostre latitudini, soprattutto nelle terre alte, potrebbe risultare un’interessante alternativa all’abbandono dei suoli e a coltivazioni più difficili e costose da realizzare.

L’incontro dedicato alla Quinoa e la semina dei primi campi sperimentali hanno questo obiettivo.


Saluti istituzionali

Fabio De Pedro, sindaco di Paspardo

Gabriele Prandini, assessore all'ambiente della Comunità montana di valle Camonica

Presenta e modera il convegno

Guido Calvi, Parco dell’Adamello

 

Intervengono

Stefano Bocchi, dell'Università degli studi di Milano, “Quinoa, una storia che continua.
Nella storia vegetale del continente Europeo si sono succedute introduzioni di vegetali a scopo alimentare provenienti da diversi Continenti, contribuendo a sfamare la gente e caratterizzando l’agricoltura Europea. Quale potrebbe essere il contributo della Quinoa a questo percorso?

Andrea Porro, dell'Università degli studi di Milano,Quinoa: coltivare agrobiodiversità tra modernità e saperi tradizionali“.

Stefano Plona, dell'Apav, associazione per i produttori agricoli di valle Camonica, “Quinoa e altre coltivazioni per il recupero rurale in Valle Camonica”.

 

18.30 visita ai campi di quinoa ed al Centro recupero animali selvatici (Cras) Paspardo
20.00 cena con specialità a base di quinoa e prodotti locali a cura dello chef Marco Di Dedda (Ostaria la corte di Bacco, Edolo).

 

Inaugurazione dell’impianto di fitodepurazione

Domenica 29 giugno

Escursione e inaugurazione dell’impianto di fitodepurazione rifugio Tonolini (Sonico). 

 

Dalle 8.45. Escursione al Rifugio Tonolini (2.450 metri sul livello del mare), nella splendida conca del Baitone dove il Comune di Sonico e il Parco dell'Adamello hanno realizzato il primo ed unico impianto di fitodepurazione a tale quota.

 

Uscita riservata ad escursionisti allenati e con adeguato equipaggiamento ed abbigliamento.

Partenza: Ponte del Guat in alta Val Malga a m.1.528. Alle 8.45. Sentiero 13. Dislivello: m. 922. Tempo di risalita: 2 ore e 45 minuti

 

Gara ciclistica 

Domenica 29 giugno

Berzo inferiore, Crocedomini. Alle 9.

Trofeo Madonna pellegrina Dedacciai challenge

 

Partendo dal comune di Berzo inferiore si percorrerà un tratto di strada a velocità controllata e a seguire si transiterà sotto l’arco di partenza e da piazza Umberto primo si inizierà la scalata al versante camuno del passo di Crocedomini transitando per le località di Degna, Dalmone, Campolaro, Bazena e passo Crocedomini.


La pendenza media risulta del 7,7 per cento; la salita presenta lunghi tratti al 9, 10 per cento e un paio di tratti al 12 per cento, 13 per cento, 15 per cento, il dislivello è pari a 1.536 metri poiché il passo è posto a metri 1.896 sul livello del mare.

Per maggiori informazioni consultare il sito.

 

Cantarifugi

Domenica 29 giugno

Rifugio Loa, Berzo Demo. Alle 10.

I cori nei rifugi di montagna. Banda musicale di Berzo Demo
L’iniziativa è parte della rassegna “Tradizioni e sapori in rifugio” organizzata da Assorifugi di Lombardia.

140504 coro-montagna

 

Il capitale sociale di una comunità

Quello che colpisce e stupisce è la quantità di iniziative che può produrre una piccola comunità di meno di centomila persone. Questi risultati si ottengono quando la valle può contare su un capitale socile elevato frutto e seme di un'amministrazione pubblica fattiva e concreta.

La rappresentazione di questi concetti è data dalla lista delle persone, delle istituzioni e delle associzioni che rendono possibile l'aghgregazione di così tante iniziative in un periodo tutto sommato limitato.

 

Il comitato promotore

Bernardo Mascherpa, presidente della Comunità montana valle Camonica, del Bim di valle Camonica e del comitato promotore della Fiera della sostenibilità della natura alpina.

Gabriele Prandini, assessore della Comunità montana valle Camonica e sindaco di Braone;
Ruggero Bontempi, assessore della Comunità montana valle Camonica e sindaco di Berzo inferiore;
Regis Cottiassessore della Comunità montana valle Camonica;
Simona Ferrariniassessore della Comunità montana valle Camonica.

 

Il comitato scientifico

Sonia Cantoni, Fondazione Cariplo, consigliere con delega all’ambiente (presidente)

Luca Albertelligeologo
Agostino Agostinelli, Federparchi
Giorgio Azzoni, direttore artistico di “Aperto”
Giò Lodovico Baglioni, fotografo professionista
Germano Bana, Euff, European union of fly fishers
Davide Bassanesi, Officine Video
Stefano Bocchi, dell'università di Milano, dipartimento di agraria
Pietro Castelnovi, ingegnere e storico
Luca Giarelli, presidente della riserva naturale delle incisioni rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardo
Oreste Magni, Ecoistituto della valle del Ticino
Luca Massacesi, direttore responsabile OfficineEinstein
Raffaella Poggiani Keller, già soprintendente per i beni archeologici della Lombardia
Pier Paolo Poggio, direttore generale Musil
Annibale Salsa, storico e antropologo, comunità trentina delle Giudicarie
Serena Solano, direttrice Museo archeologico di valle Camonica
Elena Turetti, responsabile sistema musei di valle Camonica
Emilio Visconti, provincia di Brescia, settore agricoltura
Lino Zani, alpinista, scrittore e produttore televisivo

 

Segreteria organizzativa

Dario Furlanetto, direttore Parco dell'Adamello (coordinatore)

Sergio Cotti Piccinelli, direttore distretto culturale di valle Camonica
Alessandro Putelli, responsabile servizio agricoltura Comunità montana di valle Camonica
Gian Battista Sangalli, direttore servizio foreste e bonifica Comunità montana di valle Camonica
Angelo Lascioli, responsabile servizio Innovazione, gestioni associate e attività produttive
Comunità montana di valle Camonica
Anna Bonettini, Parco Adamello
Guido Calvi, Parco Adamello
Pietro BolisParco Adamello
Adriana Salvetti, Parco Adamello
Massimo Cervelli, Parco Adamello
Mauro Speziari, Gev di valle Camonica Parco Adamello
Voilà, società cooperativa


Organizzazioni locali che partecipano alla Fiera
  • Alternativa ambiente
  • Amici della natura di Saviore dell'Adamello
  • Associazione pesca sportiva dilettantistica e sociale di Cedegolo e Grevo
  • Assorifugi Lombardia
  • Associazione uomo territorio pro natura
  • Cai della valle Camonica - Sebino
  • Canoa club Asd Brescia
  • Casa del Parco di Cevo
  • Casa del Parco di Vezza d'Oglio
  • Centro faunistico del parco, Cras di Paspardo
  • Consorzio forestale e minerario valle Allione
  • Fiab (Federazione italiana amici della bicicletta onlus)
  • Guardie ecologiche volontarie di valle Camonica Parco Adamello
  • Gruppo intercomunale di protezione civile di valle Camonica (GiCom)
  • Gruppo ristoratori valle Camonica
  • Guide alpine dell’Adamello
  • Gruppo alpini Ana valle Camonica
  • Gruppo Ana di Esine
  • Il leggio
  • Italia nostra di valle Camonica
  • Legambiente di valle Camonica
  • Lontàno verde
  • Lupi di san Glisente
  • Kinetik
  • Slow food di valle Camonica
  • Team Federico Troletti

 

La Fiera della sostenibilità è organizzato dal Parco dell'Adamello

con la partecipazione di

  • Comunità montana di valle Camonica
  • Consorzio comuni Bim di valle Camonica
  • Sapori di valle Camonica
  • Distretto culturale di valle Camonica
  • Rete natura di valle Camonica
  • Parco nazionale dello Stelvio,
  • Riserva regionale valli di sant' Antonio,
  • Riserva naturale incisioni rupestri Ceto, Cimbergo e Paspardo,
  • Plis lago Moro,
  • Plis Barberino,
  • Foreste Ersaf Valgrigna, Legnoli, Val di Scalve, Giovetto di Paline
  • Musil, il Museo dell'energia idroelettrica

 

e con i Comuni di

Angolo terme, Berzo Demo , Berzo inferiore, Bienno, Borno, Braone, Breno, Capo di ponte, Cedegolo , Cevo, Darfo Boario terme, Esine, Lozio, Niardo, Ossimo, Paspardo, Ponte di legno, Saviore dell’Adamello, Sonico.

 

Leggi anche

Cara seminatrice e caro seminatore

 

Share

Sviluppo e identità locale

Potrebbe essere una delle sfide che la società moderna deve vincere per recuperare un equilibrio sostenibile nel suo sviluppo: ancorarlo al territorio riducendo il bisogno del trasferimento di merci, persone, funzioni e servizi.

La sfida è particolarmente intrigante

in Italia il paese dei cento comuni, in realtà degli 8.092 comuni. 5.683 dei quali al di sotto dei cinquemila abitanti. Rappresentano ancora un’Italia “minore” per la popolazione che vi risiede (circa un sesto del totale), ma è quella che contribuisce al carattere inconfondibile del nostro Paese.

Con l'Unione europea

Se, da una parte, l'Unione europea da un paio di decenni promuove e finanzia lo sviluppo locale, dall'altra i risultati sono insoddisfacenti. Per l'incapacità delle Regioni di gestire il processo? In questa sezione cercheremo di capire cosa si può fare per incentivare l'efficacia degli investimenti e sviluppare una forte economia locale.