testata

La fiera della sostenibilità della natura alpina

Si presenta alla stampa la Fiera della sostenibilità della natura alpina che si terrà nei week end lunghi di giugno in val Camonica e della quale OfficineEinstein è media partner e il nostro direttore responsabile membro del Comitato scientifico.

E lo fa con una sorpresa per i giornalisti presenti. Infatti palcoscenico della conferenza stampa è l'eclettica villa Gheza, abitazione privata raramente accessibile, che i proprietari hanno messo a disposizione del parco dell'Adamello e della comunità montana della Valle Camonica per l'occasione.

 

140513 gheza1

 Così nel lussureggiante giardino, ricco e ricercato nelle scelte botaniche, per merito di Adele Penzing, figlia di un noto botanico prussiano e moglie dell'avvocato Maffeo Gheza, ideatore e progettista della propria villa, è stata presentata la Fiera della sostenibilità.

 

Una scelta felice, quella di villa Gheza, non solo per l'ambiente reso immaginifico dall'apparato decorativo eclettico e di stile moresco, ma perché la villa rappresenta un felice risultato della sintesi tra natura, cultura, passione e legame con il territorio.

 

La conferenza stampa scorre liscia, e presenta le numerose iniziative che daranno corpo alla manifestazione, arricchite ancora, se si poteva, rispetto al programma da noi presentato la settimana scorsa. 

 

Dedichiamo allora un po' di spazio a quest onirico e fiabesco organismo che ci ha ospitato e del quale l'avvocato Maffeo Gheza, nonno degli ttuali proprietri, rivendica la paternità facendo incidere sul marmo dell'ingresso 

«Progetto, dettagli, esecuzione dell'avv. Maffeo Gheza. 1930-1935»,

ma che noi sappiamo è merito anche dell'architetto e decoratore Eugenio Bertacchi.

 

140513 gheza3

 

140513 gheza2

 

 

Share

Sviluppo e identità locale

Potrebbe essere una delle sfide che la società moderna deve vincere per recuperare un equilibrio sostenibile nel suo sviluppo: ancorarlo al territorio riducendo il bisogno del trasferimento di merci, persone, funzioni e servizi.

La sfida è particolarmente intrigante

in Italia il paese dei cento comuni, in realtà degli 8.092 comuni. 5.683 dei quali al di sotto dei cinquemila abitanti. Rappresentano ancora un’Italia “minore” per la popolazione che vi risiede (circa un sesto del totale), ma è quella che contribuisce al carattere inconfondibile del nostro Paese.

Con l'Unione europea

Se, da una parte, l'Unione europea da un paio di decenni promuove e finanzia lo sviluppo locale, dall'altra i risultati sono insoddisfacenti. Per l'incapacità delle Regioni di gestire il processo? In questa sezione cercheremo di capire cosa si può fare per incentivare l'efficacia degli investimenti e sviluppare una forte economia locale.