testata

Patrimoniale o annullamento del debito

Perché una tassa globale sulla ricchezza è l'unica ricetta per una maggiore giustizia sociale? La risposta la dà Thomas Piketty, l'autore del fortunato e poderoso “Le capital au XXIe siècle”, prima in un'intervista e poi in un dialogo con l'antropologo David Graeber pubblicati su MicroMega

 

Thomas Piketty, da alcuni è stato definito l'“economista rockstar”, a causa del travolgente successo del suo libro sull'andamento delle diseguaglianze sociali negli ultimi tre secoli. Premi Nobel come Paul Krugman e Joseph Stiglitz si sono interessati al suo lavoro e lo hanno lodato pubblicamente. Eppure, Thomas Piketty, autore de “Il capitale nel ventunesimo secolo”, si schermisce e, in una lunga intervista contenuta nel prossimo numero di MicroMega, in edicola a partire da martedì 17 giugno, afferma che il suo corposo saggio sulla dinamica del capitalismo e l’aumento delle diseguaglianze non sarebbe stato possibile “senza il coinvolgimento di tutte le persone con le quali ho lavorato”. Un lavoro di squadra, dunque, basato sull’analisi di una mole enorme di dati storici, che inutilmente i fogli della finanza internazionale cercano di contestare.

 

140616 debito mondialeMa l'economista francese non si limita ad evidenziare e ad analizzare il problema della crescita delle diseguaglianze. Piketty ha infatti in mente anche una soluzione: una tassa globale sulla ricchezza, dunque non solo sul reddito ma anche sui patrimoni. Tale ricetta è respinta da David Graeber, l'autore di “Debito” che insistendo al contrario sull'annullamento del debito come pietra angolare di un cambiamento sociale in grado di dar vita ad una politica e ad un'economia più eque la giudica

«tipica dell’era keynesiana e di meccanismi redistributivi fondati sull’ipotesi di tassi di crescita non più sostenibili»,

insistendo al contrario sull'annullamento del debito come pietra angolare di un cambiamento sociale in grado di dar vita ad una politica e ad un'economia più eque.

Un confronto serrato e a tutto campo, quello fra il francese e l'americano, che completa e impreziosisce un numero miscellaneo ricco anche di materiali di argomento politico, filosofico e scientifico.

 

Fonte

News letters di Micromega su segnalazione di Anna Rita Fiore

 

Leggi anche

Massacesi L. (2014), Il divario crescente della ricchezza, in OfficineEinstein, 6 ottobre 2014

Share

Ofe4.2-buonenotizie

Un nuovo modello di sviluppo

Ci piace la società

nella quale viviamo? Ha raggiunto un suo equilibrio? E' la migliore delle possibili?

Tre domande, retoriche, che hanno un'unica risposta "no". 

 

Probabilmente è la migliore

delle società che hanno abitato il pianeta; ma, certamente ci sono tanti passi in avanti da fare. Sostenibilità, limiti delle risorse, inquinamento, dipendenza alla sviluppo continuo, dispersione energetica, rumore, stress.

 

La lista dei miglioramenti

potrebbe continuare. Ma c'è un passaggio fondamentale, capire se oltre alla società dei consumi è possibile garantire l'accesso alla popolazione mondiale dei frutti del progresso tecnologico, senza far collassare il pianeta.