testata

Al lavoro in bicicletta, in Francia

Una iniziativa sperimentale del Ministero dei Trasporti transalpino. 25 centesimi a chilometro a chi va al lavoro in bicicletta.

I primi di giugno è iniziata in Francia la sperimentazione, promossa da parte del Ministero dei Trasporti, della sperimentazione dell'incentivazione dell'uso della bicicletta per andare al lavoro.
Si tratta di una indennità chilometrica a favore dei dipendenti di 19 aziende e organizzazioni, per un totale di 10mila persone che stanno provando questo sistema.


140917 in biciL'esperimento iniziato il 2 giugno 2014, durerà sei mesi durante i quali verranno raccolte informazioni dai datori di lavoro e dipendenti su:

  • passaggio al pendolarismo in bicicletta,
  • modalità di viaggio cambiata a favore della bicicletta,
  •  fattori favorevoli o sfavorevoli nella efficacia della misura,
  • organizzazione della sperimentazione nelle diverse strutture.

 

I risultati saranno resi pubblici entro la fine dell'anno e saranno, in caso di successo, presi in considerazione per un secondo esperimento di più ampia scala.



 140917 infografica bici

In questi giorni, il quotidiano Le Figaro, ha intervistato alcuni dei lavoratori che stanno effettuando la sperimentazione, e che sembrano soddisfatti.
Uno degli intervistati ha dichiarato che lui tutte le mattine percorre sei chilometri in bicicletta per andare al lavoro, dopo due mesi ha notato di sentirsi fisicamente più in forma “faccio le scale senza più fatica”, e di aver riscontrato anche un vantaggio economico, passando dall'auto alla bici, ha calcolato che in sei mesi risparmierà 558 euro e ne riceverà 345 di incentivo, un buon affare.

 

Più o meno come in Italia dove ai lavoratori che usano la bicicletta comunicano che l'Inps non riconosce il danno in itinere in caso di incidente con il mezzo a due ruote sul percorso casa-lavoro! Proprio lo stesso atteggiamento!

 

 

Fonti

Ministère de l'écologie, du développement durable et de l'énergie, Une indemnité de 25 centimes par kilomètre si vous allez au travail en bicyclette

Angélique Négroni (2014), Ces salariés qui touchent la prime vélo pour aller au bureau, Le Figaro, 8 agosto 2014

Arpatnews

Share

Ofe4.2-buonenotizie

Un nuovo modello di sviluppo

Ci piace la società

nella quale viviamo? Ha raggiunto un suo equilibrio? E' la migliore delle possibili?

Tre domande, retoriche, che hanno un'unica risposta "no". 

 

Probabilmente è la migliore

delle società che hanno abitato il pianeta; ma, certamente ci sono tanti passi in avanti da fare. Sostenibilità, limiti delle risorse, inquinamento, dipendenza alla sviluppo continuo, dispersione energetica, rumore, stress.

 

La lista dei miglioramenti

potrebbe continuare. Ma c'è un passaggio fondamentale, capire se oltre alla società dei consumi è possibile garantire l'accesso alla popolazione mondiale dei frutti del progresso tecnologico, senza far collassare il pianeta.